Stagione turistica più lunga quaranta hotel sono aperti

Federico FranchinABANO TERME. Prende quota la destagionalizzazione degli hotel termali. Negli ultimi dieci anni gli hotel hanno iniziato ad allungare la stagione turistica, divenuta mediamente più lunga di un mese. A dirlo sono i dati sulle aperture delle attività alberghiere durante le ultime festività natalizie, resi noti dall'ufficio Attività Produttive del Comune di Abano. I numeri hanno evidenziato una tendenza incoraggiante rispetto agli anni precedenti. un terzo aperto in piÙDalla verifica sulle comunicazioni pervenute dalle strutture ricettive si è registrato infatti un aumento del 30% - in totale 16 strutture - che hanno scelto di tenere aperto durante il periodo natalizio, dal 24 dicembre 2018 al 7 gennaio 2019. Sempre dai dati raccolti dall'ufficio comunale emerge un dato interessante anche rispetto alle attività alberghiere che resteranno aperte durante i mesi di gennaio e febbraio. Ad oggi, le strutture che hanno optato per questa soluzione sarebbero in totale una quarantina, con una lieve crescita rispetto al dato dell'anno precedente quando ad aprire nei primi due mesi del 2018 erano stati 34 alberghi. Le restanti strutture ricettive hanno invece scelto di riaprire l'attività nel corso dei mesi di febbraio e marzo 2019. I dati raccolti dagli uffici comunali sono aggiornati al 10 gennaio e fotografano un quadro generale non ancora definitivo. BARBIERATO GONGOLA «Il dato, ancorché da integrare con le comunicazioni che devono ancora arrivare e che modereranno l'impatto dell'incremento, ci fa piacere per l'economia del territorio», spiega il sindaco di Abano. «Significa che l'amministrazione sta investendo in modo deciso sulla città, che inizia ad essere attrattiva anche nei tradizionali periodi di bassa stagione. Gli imprenditori stanno recuperando coraggio e tendono a garantire la loro offerta di accoglienza per periodi più lunghi. Dobbiamo in ogni caso essere cauti nell'analisi dei dati, anche se la tendenza ad Abano, soprattutto nelle zone centrali, è quella di allungare la stagione». «Anche se sono i bilanci aziendali la vera cartina di tornasole, più dei periodi di apertura e delle presenze, il miglioramento dei flussi turistici è reale», aggiunge il direttore di Federalberghi Terme Abano Montegrotto Marco Gottardo. E Barbierato aggiuge: «Dobbiamo ora concentrarci nel tornare a proporre il nostro prodotto termale al mercato tedesco, e su questo agiremo nei prossimi mesi» . doppio VANTAGGIoIl no dell'Inps al Fis costringerà a rendere i contratti atempo determinato o ad allungare la stagione turistica. «Darei una lettura doppiamente positiva a questo nuovo scenario», conclude Gottardo, «vista la mancanza degli ammortizzatori sociali e le ricadute negative del decreto dignità, che complicano il lavoro degli imprenditori nella gestione dei contratti e nelle assunzioni del personale al di fuori dei periodi tradizionali». --