Lampioni come canestri e sedute scomodissime «Il percorso così non va»

Fa discutere il progetto, firmato dallo studio 049, che prevede il collegamento tra via Dupré e l'ingresso del parco Morandi. I lavori costano 190 mila euro, deliberati ai tempi del commissario Michele Penta (2016) e saranno consegnati al Comune entro la fine dell'anno, anche se dovevano essere finiti già in estate. Quello che suscita perplessità tra i residenti di via Dupré e via Jacopo Da Ponte è la scelta dei complementi d'arredo lungo il percorso. «Da un punto di vista artistico le scelte progettuali potrebbero andare anche bene» osserva Luigi Rosso, pensionato «Non credo, però, che dal punto di vista della funzionalità sia i lampioni, inseriti su pali molto alti che somigliano ai cesti della pallacanestro e sia le sedie davanti al nuovo campetto sportivo, siano scelte valide. Le sedute sono scomode».Ma Rosso ci tiene a sottolineare un problema che è grave sotto l'aspetto sociale. «Il campetto, sia per il calcio che per il basket, è stato realizzato ad opera d'arte, ma è alla mercè anche dei vandali visto che il lucchetto d'ingresso è stato messo fuori uso. Il pavimento è già pieno di buchi ed è stato strisciato dai ciclisti che lo usano come pista da corsa». --F.PAD.