La rincorsa di Ugo Humbert ai giovani top per Milano

milanoCon un nome così datato - Ugo Humbert - potrebbe essere un personaggio di Georges Simenon o Emile Zola. Invece è quello del ragazzo di Metz, vent'anni compiuti a giugno, che sta cercando di raggiungere all'ultimo tuffo le Atp Next Gen Finals di Milano (6-10 novembre). Alto quanto basta (188 centimetri) e magrissimo, il francese è risultato il protagonista assoluto del Challenger concluso domenica a Ortisei, dove ha battuto il tedesco Hassan e quattro connazionali, Halys, Lestienne, Barrere e, in finale, Pierre-Hugues Herbert, uno tra i più forti doppisti del mondo. Ugo ha prevalso per 6-4 6-2 e marcato il torneo con un percorso netto: non ha ceduto neppure un set. Il ranking Race to Milan, ufficializzato ieri, piazza Stefanos Tsitsipas, Denis Shapovalov, Alex de Minaur, Frances Tafoe, Taylor Fritz, Andrey Rublev e Jaume Munar prima di Humbert: a precedere il francese è il maiorchino pupillo di Nadal con 641 punti Atp. Il numero 1 della Race, Alexander Zverev, parteciperà alle Atp Finals di Londra in programma la settimana successiva in quanto numero 5 della classifica generale Atp che tiene conto dei risultati ottenuti dal primo gennaio. --