Viaggio nel fotoromanzo

Nell'ambito della XIII edizione di Fotografia Europea, Spazio Gerra di Reggio Emilia ospita fino al 19 luglio "Fotoromanzo e poi...", dedicata a un fenomeno tutto italiano spesso sottovalutato dal mondo intellettuale. Ma il fotoromanzo ha a suo modo contribuito in maniera incisiva ad accelerare il processo di alfabetizzazione nel nostro paese coinvolgendo milioni di italiane nella lettura di passionali e travolgenti vicende sentimentali, fotografando la società dell'Italia post-bellica e accompagnando il percorso di emancipazione femminile nel Paese. Lo capì subito Cesare Zavattini, che contribuì alla sua nascita collaborando come soggettista alla rivista Bolero Film, dedicata interamente al "romanzo a fumetti". L'esposizione, curata da Ics - Innovazione Cultura Società, si compone di una parte storico-documentaria (fotografie, cineromanzi e materiali provenienti da diversi archivi pubblici e privati) e di una produzione creata ad hoc, appositamente pensata per i social network, che trae ispirazione da un soggetto per un fotoromanzo scritto da Cesare Zavattini nel 1961.