La Mobilità sarà gestita dal settore Urbanistica

Un "maxi-settore" che unisce le Infrastrutture con l'Edilizia (sia pubblica che privata). La Mobilità aggregata al settore Urbanistica anziché alla Polizia locale. La reintroduzione del settore "Verde, parchi e agricoltura urbana". E infine il settore Risorse finanziarie impegnato anche nella progettualità e nella ricerca di finanziamenti statali o (meglio) europei. Sono le principali novità della riorganizzazione della "macchina" di Palazzo Moroni approvata ieri dalla giunta. Una riorganizzazione che supera quella piramidale, con 5 grandi "aree" voluta dalla giunta Bitonci nel 2014. A smantellare il "sistema Bitonci" ci ha pensato l'assessore alle Risorse umane, Francesca Benciolini: «Alla base c'è la fiducia e la responsabilità dirigenziale e ogni settore avrà un dirigente di riferimento - ha spiegato - Il direttore generale, che sarà il segretario generale Giovanni Zampieri, potrà contare su un gruppo dirigenziale per gestire i gruppi di lavoro, seguire le diverse progettualità e la revisione dei processi in un'ottica di efficientamento. Puntiamo molto anche sulla formazione del personale. Vogliamo dare opportunità di riconferma ai dipendenti a tempo determinato che stanno lavorando bene, anche se riteniamo necessario immettere qualche nuova risorse. Attiveremo delle procedure di mobilità esterna per inserire nuove figure dirigenziali, facendo entrare così idee e competenze nuove. L'obiettivo è rendere più fluido il lavoro degli uffici per offrire migliori servizi ai cittadini». I settori quindi diventano 22 e saranno affiancati dai gruppi di lavoro, che presidieranno gli ambiti per cui è necessario un contributo multidisciplinare. Uno di questi (temporaneo, non certo permanente) sarà il gruppo sulla realizzazione della seconda linea del tram.Quello approvato ieri dalla giunta è solo lo "scheletro" della riorganizzazione, cui non sono ancora stati abbinati i nomi dei futuri dirigenti. Ed è proprio la scelta delle persone da mettere alla guida della "macchina" che sta provocando numerose tensioni sia all'interno della maggioranza che tra i quasi 2 mila dipendenti comunali.