La Lega: «La giunta boicotta le elezioni»

VIGONZA Cordoglio a Perarolo per la morte di Simone Nicolini (in foto), l'operaio quarantenne originario di Vigonza che nel 2011 si era trasferito a San Stino di Livenza. Mercoledì alle 13.30 ha accusato un malore improvviso nello stabilimento dove lavorava, la "Bfr Meccanica" di Cessalto, ed è precipitato al suolo da alcuni metri di altezza dov'era intento a operare su un macchinario. Vano l'immediato intervento di colleghi e Suem 118. La notizia della tragica morte di Nicolini si è diffusa a Perarolo, dove vive tuttora la madre Lina. Simone lascia anche la moglie Nora e due figliolette. Il funerale non è stato ancora fissato ma si celebrerà nella chiesa parrocchiale di La Salute di San Stino di Livenza. (g.a.) VIGONZA Elezione dei Comitati frazionali, protesta la Lega Nord. «Da regolamento i cittadini dovevano essere avvisati almeno 30 giorni prima del 28 gennaio, data fissata per le elezioni, così da reperire tutte le informazioni necessarie per candidature e voto» dice il consigliere del Carroccio Walter Grandesso, «invece risulta che ad oggi non tutti sono stati avvisati in quanto l'informativa datata 4 dicembre non è ancora pervenuta in molte zone e vie del territorio. Un fatto grave se si pensa che la presentazione delle candidature scade oggi e di mezzo ci sono state le feste natalizie». Per la Lega una settimana per le candidature è veramente poco e dunque si poteva spostare la data delle elezioni a febbraio, il che rientrava comunque negli 8 mesi dal primo consiglio comunale avvenuto il 14 luglio 2017. «Spostandole poi al 4 marzo, in concomitanza con le politiche, con sicurezza si sarebbe superato il quorum del 15%» conclude Grandesso, «A noi sembra sa in atto un boicottaggio da parte dell'amministrazioene». (g. a.)