L’Este non fa barricate ma si porta a casa il punto

ARZIGNANO Partita a scacchi, senza scacco matto. ArzignanoChiampo ed Este hanno pareggiato una sfida dove è mancata quella zampata felina, quella fiammata nell'area di rigore che poteva far iniziare con un bel sorriso la stagione. Che è così iniziata con quello della Gioconda. Locali che si presentano con 5 nuovi innesti in campo rispetto alla scorsa stagione. Nel primo quarto d'ora squadre che si studiano senza creare pericoli nelle rispettive aree di rigore avversarie, con qualche sbadiglio sugli spalti. Primo sussulto giallorosso al 17' quando Kerezovic esce di testa su Munarini lanciato verso la porta, gesto tecnico che vale come una parata. Giallocelesti che perdono Maldonado dopo 20' per uno scontro di gioco con Dovico (il giocatore ha dovuto ricorrere successivamente agli accertamenti medici in ospedale). ArzignanoChiampo che prova ad impostare la manovra, tanto giro palla ma senza spunti da registrare sul taccuino: buon fraseggio palla a terra ma la retroguardia estense è molto attenta. Secondo tempo. Al quarto d'ora incursione di Munarini che arriva sul fondo, ma Kerezovic fa buona guardia. Giallocelesti attivi sulla sinistra a turno con Carlotto, Marchetti e Bertoldi ma le loro folate offensive non trovano sbocchi in avanti. Toso ha poi una buona occasione ma svirgola davanti alla porta. Il primo vero sussulto per il pubblico arriva al minuto 37' quando Marchetti al volo cerca l'angolino, fuori. Finisce così in parità. Due considerazioni dopo questi 90'. Partendo da una difesa che si è dimostrata compatta quando si vedranno Odogwu e Grbac e i meccanismi saranno ben rodati dal trotto si potrà passare al galoppo. E poi iniziare senza perdere è sempre una buona cosa. Non si può scoppiare i fuochi d'artificio tutte le domeniche: è vero che per i vicentini era la prima in casa ed era bello iniziare coi 3 punti, forse qualche miccia da accendere è mancata ma, complice anche il gran caldo, può andare bene così prendendo spunto soprattutto dalla maggiore verve del secondo tempo. «Prima partita sotto un gran caldo che è finita in un pareggio sostanzialmente giusto – ha detto l'allenatore vicentino Paolo Beggio -. È mancato lo spunto che ci ha avrebbe permesso di andare in gol. Abbiamo avuto però un maggior possesso palla e questo è un aspetto positivo. In difesa siamo stati molto attenti, ed anche loro hanno fatto vedere buone cose dietro non lasciandoci spazi di manovra. Dispiace aver perso Maldonado dopo pochi minuti, speriamo non sia nulla di grave. E comunque abbiamo un punto in più dello scorso anno". Ha concluso il tecnico con un sorriso sornione sotto i baffi, ricordando la sconfitta di un anno fa col Parma.