Procurava la merce via WhatsApp ricettatore in cella

Serviva un iPad? Bastava mandargli un messaggio via Whatsapp. Serviva un navigatore? Richiesta via messaggio, qualche giorno di attesa e il gioiellino arrivava. Ovviamente a buon mercato. Ghilan Sergiu, 33 anni, moldavo, era il ricettatore dell'Arcella. La gente (anche molti padovani) lo contattavano per acquistare materiale a prezzi imbattibili. Era una figura di riferimento anche per i pezzi di ricambio. Ed è stato proprio lo schermo di un tablet a tradirlo. Gli investigatori della Squadra mobile, infatti, da tempo erano sulle tracce del "ricettatore dell'Arcella". Sabato pomeriggio l'hanno visto camminare in via Wagner con uno schermo di iPad in mano. L'hanno fermato, controllato e subito dopo è scattata la perquisizione in casa. Nella sua abitazione di via Wagner hanno trovato congegni di ogni tipo per un valore che supera i 10 mila euro. C'erano telefonini, navigatori satellitari, autoradio. C'era addirittura una macchina fotografica Nikon da 4 mila euro. In casa hanno trovato anche 5 mila euro in contanti e tra questi soldi 400 euro (in banconote da 100) sono risultati falsi. Ghilan Sergiu è stato arrestato per il reato di ricettazione. La polizia sta cercando i proprietari della merce.(e.fer.)