Gare truccate all’Asl di Torino, altri cinque agli arresti domiciliari

Altri arresti della Guardia di finanza, a Torino, nell'inchiesta sugli appalti per l'informatica della Asl Torino 1. Ai domiciliari, con l'accusa di turbata libertà degli incanti e falso ideologico, un dirigente e un funzionario dell'Asl, il legale rappresentante di una azienda di prodotti audio e due soci di una azienda compiacente di Genova che si era aggiudicata le commesse pubbliche. Lo scorso febbraio, nell'ambito della stessa inchiesta, erano già state arrestate nove persone. Dagli accertamenti effettuati è emerso, secondo la guardia di finanza, un «articolato sistema di aggiudicazione fraudolenta di appalti pubblici organizzato grazie ad amicizie e interessi reciproci». Un appalto, in particolare, aveva ad oggetto la sostituzione delle apparecchiature hardware dell'impianto audio del pronto soccorso dell'ospedale Martini di Torino. Un altro il contratto di assistenza pluriennale per gli appalti hardware in uso presso l'Asl Torino 1.