Senza Titolo

BARBONA Il loro intervento ha salvato venti pesci. È una collaborazione proficua quella che, qualche tempo fa, ha visto protagonisti gli appassionati del Free Carp di Casale di Scodosia, la polizia provinciale e un gruppo di guardie volontarie padovane. L'intervento in questione è avvenuto in un piccolo bacino nel territorio comunale di Barbona: qui si era pericolosamente abbassato il livello idrico e, con le alte temperature dell'ultimo periodo, i pesci rischiavano di rimanere senza ossigeno e acqua. Era necessario intervenire in tempi stretti per salvare i pesci presenti nel bacino. Il Free Carp è stato contattato da alcune guardie provinciali volontarie ittiche. Nel giro di due ore, gli appassionati professionisti del Free Carp casalese – Marco Martinello, Davide Lorenzetto, Marco Furlan e Giorgio Furlan – sono riusciti a mettere in salvo diciotto carpe e un pescegatto. Gli animali sono poi stati liberati, con l'aiuto e l'autorizzazione della polizia provinciale, nel canale Sabbadina, sempre nel territorio del Comune di Barbona. Un chiaro esempio, questo, di come la passione per la pesca può conciliarsi con la salvaguardia del territorio e degli animali. (n.c.)