Tornano le "Storie di jazz" Primo ospite, Paolo Fresu

Apertura con il botto per il nuovo anno di concerti targati "Storie di Jazz", la rassegna promossa da Q Bar e Scuola di Musica "Gershwin", giunta alla quattordicesima edizione. La direzione artistica è di Maurizio Camardi. Dopo una prima parte di programmazione – da ottobre a dicembre – che ha portato a Padova alcuni grandi esponenti del jazz italiano (Roberto Gatto e Fabrizio Bosso) e due tra le voci padovane più apprezzate nel panorama nazionale (Aba e Chiara Luppi), il nuovo anno inizia con un evento imperdibile, nella sua unica data veneta, a cui seguirà un concerto in prima assoluta nel mese di febbraio, mantenendo così la formula che prevede un concerto ogni due settimane circa con la partecipazione di artisti di primo piano del panorama musicale nazionale e internazionale. Protagonista il jazz, ovviamente, ma particolare attenzione anche ad altri generi musicali come il soul, il blues, il funk. Si comincia martedì 27 gennaio con un duo d'eccezione, ormai sulla scena mondiale da diversi anni, che vedrà sul palco il celebre trombettista Paolo Fresu – autentico ambasciatore del jazz italiano in tutto il mondo – e il chitarrista Bebo Ferra, uno dei migliori compositori a livello nazionale e strumentista richiestissimo nell'ambito jazz. Fresu torna dunque ad esibirsi a Padova – dopo lo straordinario concerto in duo con Uri Caine al Liviano – e lo fa con un altro duo (tutto made in Sardegna) dove il jazz si mescola con altri linguaggi, dove si alternano temi a vecchie canzoni che assumono nel suono del flicorno una intensa liricità. Per l'occasione il concerto si terrà con la formula del doppio turno per poter accogliere un numero superiore di spettatori: prima esibizione alle 20.45, seconda esibizione alle 22.15. I biglietti saranno disponibili nelle prevendite abituali (Gabbia Dischi e Scuola di Musica Gershwin) da oggi con prezzi variabili da 15 euro (posto in piedi inclusa consumazione) a 30 euro (poltronissime numerate prime file inclusa consumazione). Il secondo appuntamento, giovedì 12 febbraio, sarà una prima assoluta che vedrà salire sul palco del Q per la prima volta a Padova quattro artisti, diversi tra loro ma con storie musicali che si intrecciano, ciascuno protagonista in ambito nazionale con i propri progetti. A far gli onori di casa Maurizio Camardi, sassofonista padovano e direttore artistico di "Storie di Jazz", accompagnato dal suo World Quartet (Francesco Signorini alle tastiere, Federico Malaman al basso, Davide Devito alla batteria) che proporrà un concerto dove jazz, world music e canzone si incontrano, si scambiano stimoli ed energie, si confrontano e scontrano finendo per trovare una sintesi elegante, raffinata ma "popolare" allo stesso tempo. Ospiti d'eccezione il percussionista cubano Ernesttico – noto al grande pubblico per le collaborazioni con Jovanotti, Pino Daniele e Zucchero – e due voci straordinarie: quella della cantante Patrizia Laquidara, artista molto apprezzata nell'ambito della canzone d'autore, e quella del cantattore Vittorio Matteucci, da oltre 30 anni sui palcoscenici di tutta Italia e protagonista delle più importanti opere musical realizzate negli ultimi anni (Jesus Christ Superstar, Notre Dame de Paris, Tosca Amore Disperato, Dracula Opera Rock, La Divina Commedia, I Promessi Sposi). Inizio alle 21.30, con la possibilità di assistere al solo spettacolo (biglietti a partire da 10 euro inclusa consumazione) o di cenare al ristorante del Q con particolari jazz menu à la carte preparati per l'occasione (formula cena+concerto euro 35). E' possibile, anzi consigliato, prenotare i posti a cena al Q Restaurant (049.8751680) o acquistare i biglietti per il solo concerto in prevendita da Gabbia Dischi (0498751166) o rivolgendosi alla Scuola di Musica Gershwin (342.1486878 - info@storiedijazz.com)