De Poli sfoglia il Giglio del Montebelluna

PADOVA Bedin e Tiboni fuori dalla lista dei convocati. È una scelta tecnica quella di Carmine Parlato, dettata esclusivamente dalle dinamiche di mercato. Sì perché per il resto (squalificati a parte) sono stati tutti convocati, anche chi sa già che dovrà fare le valigie come Bruzzi, Bragagnolo e Montinaro. Ma se per questi ultimi tre si aspetta il placet delle società professionistiche proprietarie del cartellino, per Bedin e Tiboni, di proprietà biancoscudata, è un discorso diverso. I due giocatori non rientrano più nei piani societari. Si chiude quindi in maniera molto amara, a scanso di improbabili dietrofront, l'avventura di Cristian Tiboni a Padova. Arrivato in cerca di rilancio, dopo tante avventure negative che gli avevano fatto perdere il treno del calcio professionistico, Tiboni era subito entrato nel cuore dei tifosi e il gol all'esordio contro il Fontanafredda sembrava il presagio di una stagione da protagonista. E invece no. Il centravanti di Desenzano vorrebbe rimanere, ma la società è stata chiara e ieri il giocatore ha lasciato il terreno dell'Appiani molto scuro in volto. Su di lui si è fatto sotto il Giulianova, serie D abruzzese, e al suo posto arriverà un altro centravanti, oltre all'esterno Bearzotti di proprietà dell'Hellas Verona. Bedin, che in estate aveva anche rifiutato una proposta più vantaggiosa dal Campodarsego, potrebbe invece firmare a inizio settimana per la Triestina. La sua uscita apre a un nuovo arrivo a centrocampo, con De Poli sempre in pressing su Giglio del Montebelluna. A chiudere il cerchio dei nuovi acquisti, dopo l'addio di Russo, manca solo un terzino mancino. Ieri all'Appiani si è rivisto anche Luca Formigoni, che nei giorni scorsi si era allenato con il Delta. Anche lui aspetta solo di trovare una nuova sistemazione.