In Consiglio la raccolta di firme contro la moschea

Una via intitolata a Oriana Fallaci «premonitrice dello scontro Occidente-Islam», sostegno alle famiglie tradizionali e secco "no" alle unioni civili, oltre che al loro riconoscimento, e soprattutto stop a qualsiasi operazione tipo "Mare Nostrum". Sono le tre mozioni presentate lunedì sera in consiglio comunale a Cittadella dalla maggioranza. La discussione è terminata ben oltre la mezzanotte. Il sindaco Giuseppe Pan ha detto che attraverso l'operazione "Mare Nostrum" sono stati «spesi 1,2 miliardi di euro che sarebbero stati fondamentali per offrire una serie di servizi alla nostra gente. Attraverso questo spostamento dall'Africa all'Europa, si crea un business sull'accoglienza. I profughi hanno diritto alla social card, mentre i nostri pensionati arrivano a stento a fine mese. Quanti di quelli che approdano dagli altri paesi hanno effettivamente necessità?» In consiglio comunale ha fatto capolino anche la raccolta di firme contro la moschea organizzata dalla Lega locale: «È una presenza che spaventa», ha ribadito Pan, «si può nascondere di tutto a cominciare dai reclutatori dei terrroristi». E sull'omelia del parroco don Remigio Brusadin, il sindaco commenta: «Meglio pensare alle anime dei cristiani che a quelle dei musulmani. Lui predica in chiesa, io in municipio». (s.b.)