Arriva la stangata sul caffé: una tazzina costa 1,10 euro

FIERA Dal primo dicembre in cinque locali pubblici, che si trovano intorno al Centro direzionale Tommaseo, tra cui il Verba Volant di Damiano Trevisan (foto) il caffè al banco non costerà più 1 euro, ma 1.10 euro. In pratica il prezzo della tazzina più bevuta dagli italiani aumenterà di 200 lire del vecchio conio. I bar che hanno preso questa, drastica, decisione sono Alice, Doussiè, Edicola Tabacchi civico 136, Tommaseo e Verba Volant. I cinque gestori hanno reso noto l'aumento con un apposito manifesto sulle vetrine dei cinque locali. «Al fine di mantenere inalterata la qualità dei prodotti di caffetteria e pasticceria, somministrati in questo locale, il nostro listino-prezzi subirà un aumento di circa il 10%» è scritto su ogni vetrina. «È una scelta che nessuno si aspettava perché ancora oggi, centro compreso, sono pochissimi i bar dove il caffè costa già 1.10. Tra questi il Cavour e Da Graziati. Al Pedrocchi, invece, costa ancora 1 euro. Il commento del direttore dell'Appe Filippo Segato: «Il prezzo del caffè è cresciuto di due euro al chilo». (f.pad.)