Il libro dei sogni, ma priorità alle scuole

PONTE SAN NICOLÒ Approvate martedì sera in consiglio comunale le linee di mandato 2014-2019. Atmosfera decisamente più serena rispetto al consiglio di due settimane fa, ma non sono mancati scambi anche vivaci. Dopo aver letto le nove pagine di linee programmatiche, comprendenti opere pubbliche, servizi e manutenzioni, Rinuncini ha ammesso: «Se dicessi che riusciremo a realizzare tutto questo direi una bugia. Non sono promesse, sono impegni che ci prendiamo. Vogliamo farci trovare pronti nel caso le finanze e il patto di stabilità ci permettano di stanziare le risorse necessarie. La nostra priorità sono le scuole, sia gli edifici che l'offerta formativa per i nostri ragazzi». Nel dibattito, le opposizioni hanno lamentato l'assenza nel programma di tempi certi sulla videosorveglianza promessa in campagna elettorale ma hanno anche evidenziato i punti di incontro. Carmen Tasca, capogruppo di Ponte San Nicolò Democratico, è tornata all'attacco sul testamento biologico, sala del commiato, sostegno al volontariato e sull'intenzione dell'amministrazione di realizzare la nuova biblioteca a Villa Crescente: «La biblioteca si deve realizzare in zona baricentrica, perché tutti possano raggiungerla. Auspichiamo ci possa essere un confronto anche nella maggioranza». Il consigliere Roberto Marchioro ha invece intravisto nel programma indizi di maggior consumo di suolo: accuse respinte energicamente dal vicesindaco Martino Schiavon. Nel consiglio approvati equilibri di bilancio: impiegati 300 mila euro prima non previsti per piccoli interventi e manutenzioni. Eletti, infine, nella commissione di sorveglianza sulla discarica di Roncajette Anastasia Nariuzzi, Roberto Marchioro e Luca Boccon, ex consigliere, già volto noto dei comitati degli alluvionati. Andrea Canton