Nove chili di marijuana arrestata dalla polizia

Da Roma a Padova con nove chili di marijuana in due borsoni. Ancora un arresto in stazione da parte degli uomini della Squadra mobile di Padova che in pochi mesi hanno già recuperato 60 chili di erba. Il filone è sempre lo stesso: donne nigeriane che utilizzano i treni per trasportare la droga a Padova. Verso le 17.30 di domenica gli investigatori, coordinati dal vice questore aggiunto Marco Calì, si sono posizionati all'interno dello scalo ferroviario con i cani antidroga. Quando la donna è scesa dal treno l'hanno individuata subito. Si tratta di Emmanuella Amara Onyedimma, 19 anni, nigeriana residente a Mantova. Viaggiava a bordo del treno Freccia Argenti partito da Roma e all'interno di due borsoni aveva sei palle di cellophane con all'interno il consistente quantitativo di droga. Si tratta di un tipo di marijuana con un principio attivo molto alto e che, evidentemente, riscuote molte richieste in questo periodo. Negli ultimi mesi gli uomini di Calì hanno portato a termine già sei arresti simili tutti in stazione, sequestrando ben 60 chili di marijuana: erba che probabilmente arriva dalla Nigeria. (e.fer.)