Il cinema d'autore (grazie al bel tempo) riparte all'aperto

La settimana del cinema d'autore riparte integralmente all'aperto, complice il tempo che resterà bello per tutta la settimana. Stasera saranno tre gli appuntamenti, tutti alle 21.30: al Chiosco Club, in via Ariosto, la settimana della festa Surf prevede la proiezione di "Ritratti di Surf", film realizzato dalla crew Block10 sullo sport oceanico in Italia, mentre all'Arena Romana di piazza Eremitani, si darà "Storia di una ladra di libri", lotta di una bimba contro l'oscurantismo nazista, di Brian Percival. Al Cinemauno Estate, Giardini della Rotonda di piazza Mazzini, si darà infine "A proposito di Davis", ultima creazione dei fratelli Cohen, mentre giovedì, sempre ai Giardini della Rotonda alla stessa ora, toccherà a "Progreso7", documentario girato in Guatemala nell'estate del 2012 dalla giovane regista padovana Maura Benegiamo e dal collega Florent Michaux, che presenzieranno alla proiezione. La serata proseguirà all'Arena Romana, con "La mafia uccide solo d'estate", ironico e dolcissimo esordio alla regia per la Iena Pif alle 21.30, e alla stessa ora, al Castello di Monselice, toccherà a "Resistenza naturale", quattro viticoltori che rifiutano la coltivazione chimica dell'uva per la regia di Jonathan Nossiter, presente alla proiezione. Alle 22.30 al Chiosco si darà poi "Onde nostre", dei surfisti e cineasti Matteo Ferrari e Luca Merli, autori anche del film in proiezione venerdì alla stessa ora, "Peninsula". Sempre venerdì alle 21.15 al giardino dell'Istituto Brabarigo di via Del Seminario toccherà a "C'era una volta a New York", diretto da James Gray, cui seguirà alle 21.30 ai Giardini della Rotonda si proietterà "Ida" di Pawel Pawlikowski, una novizia polacca scopre un passato sconvolgente nella storia della sua famiglia. Sabato si comincerà alle 21.15 da "Piccola patria", film di Alessandro Rossetto che racconta la profonda campagna veneta al Barbarigo, mentre all'Arena Romana, alle 21.30, sarà di scena "Allacciate le cinture", di Ferzan Ozpetek, seguito alla stessa ora da "Saving Mr.Banks", di John Lee Hancock ai Giardini della Rotonda. Domenica al Barbarigo, alle 21.15, si proietterà il controverso "Dallas buyers club", di Jean Marc Vallée, passando quindi ai Giardini della Rotonda, alle 21.30 con "Venere in pelliccia", ultimo di Roman Polanski, e all'Arena, alla stessa ora con "Philomena", struggente ritratto di donna di Stephen Frears. "Il capitale Umano", storia di tragedia e massificazione di Paolo Virzì, comincerà la serata di lunedì alle 21.30 all'Arena Romana, chiusa poi ai Giardini della Rotonda da "Lo sconosciuto del lago", amore omosessuale e morte per la regia di Alain Guiraude, sempre alle 21.30. Martedì, infine, all'Arena Romana si darà alle 21.30 "Grand Budapest Hotel", sognante pellicola sospesa nel tempo di Wes Anderson, mentre la settimana si chiuderà, alle 21.30 ai Giardini della Rotonda, con "Era meglio domani", una donna riparte da zero nel marasma della rivoluzione algerina del 2011, film realizzato da Hinde Boujemaa in anteprima per il Nordest nel cartellone del Cinemauno Estate. Riccardo Cecconi