«Caro Renzi, ci serve la rotonda»

SAONARA Dopo la palestra scolastica, la rotonda tra la Strada dei Vivai e via Mazzini: continua lo scambio di lettere tra il sindaco di Saonara Walter Stefan e il premier Matteo Renzi sulle opere pubbliche bloccate dalla carenza di fondi o dalla burocrazia. Lo scorso 2 giugno Renzi aveva indirizzato una mail a tutti i sindaci d'Italia, chiedendo di segnalare un'opera o una procedura amministrativa bloccata: Walter Stefan ha risposto indicando l'incrocio con semaforo tra via Mazzini e la Vivai, che da più di tre anni attende di venir sostituito da un rondò. Per quest'opera, del costo di un milione di euro, tra Comune di Saonara e Provincia di Padova fu firmato nel marzo 2011 un protocollo d'intesa, seguito nel dicembre 2012 dall'approvazione in giunta provinciale del progetto esecutivo, mentre il Comune aveva già acquisito e frazionato i terreni necessari. Da allora però tutto è fermo, e il semaforo all'altezza di Villatora continua a creare code di veicoli. «La Provincia, che finanzierà l'opera, pur avendo risorse sufficienti non può far partire il cantiere per i vincoli imposti dal patto di stabilità», fa sapere Stefan. «Ho grande fiducia nella volontà del premier Renzi di sbloccare progetti fermi da anni. La rotonda sulla strada dei Vivai è un'opera essenziale per la viabilità regionale». È tramontata invece la speranza di ricevere un contributo statale per la palestra di Saonara: nell'elenco dei Comuni beneficiari del bonus governativo Saonara non compare. Patrizia Rossetti