"Gocce e bolle", colpo da 150 mila euro

Colpo grosso in zona industriale dove è stato messo a segno un furto da 150 mila euro alla ditta di profumi e detersivi "Gocce e bolle" di via Germania 24. Alcuni individui sono entrati nel capannone dell'azienda e hanno saccheggiato gli scaffali dei prodotti per poi fuggire probabilmente a bordo di un camion. Ad accorgersi dell'intrusione ieri mattina il magazziniere, che all'arrivo al posto di lavoro ha trovato gli accessi all'azienda forzati e il magazzino completamente sottosopra. I malviventi devono aver agito nella notte tra mercoledì e ieri, o comunque dopo l'orario di chiusura di mercoledì sera. Prima hanno scassinato la serratura del cancello esterno, da dove sono entrati quasi sicuramente con un mezzo, poi hanno provveduto a mettere fuori uso il sistema d'allarme, tagliando i fili elettrici, ed infine, dopo aver forzato diverse altre serrature, sono riusciti ad introdursi nei magazzini, dove hanno fatto razzia di prodotti cosmetici. «Hanno portato via in gran quantità profumi, creme, detergenti, lamette da barba, deodoranti. Tutti i prodotti con il più alto valore sul mercato e più facilmente smerciabili. Non hanno toccato ad esempio i detersivi, che evidentemente hanno un minor giro di compravendita», spiega affranta Giorgia Noli, figlia del titolare Giacomo Noli, che lavora insieme al padre nell'azienda di famiglia aperta ormai da 40 anni. «Non può essere altro che un furto su commissione» prosegue la figlia del titolare. «Sono convinta che gli autori, che tra l'altro sembra sapessero benissimo come muoversi all'interno dell'azienda, siano membri di quelle bande dell'est Europa che colpiscono qui in Italia e poi in men che non si dica sono già all'estero dove senza fatica piazzano la merce rubata», continua Giorgia Noli. La figlia del titolare racconta con rabbia come anche i negozi di profumi e detersivi a insegna "Gocce e bolle" siano stati svariate volte vittime della criminalità. «Abbiamo subito ben 15 furti nei nostri punti vendita, mancava solo che venissero alla base, come hanno fatto l'altra notte» è lo sfogo. «Ovviamente si parla di cifre molto inferiori ma è per sottolineare come certe aziende rischino di trovarsi allo sfascio per colpa di quattro delinquenti». «Siamo assicurati ma sicuramente non riusciremo a recuperare tutti i soldi» conclude con amarezza Giorgia Noli. «Sarà tanto se riusciremo a pagarci i danni alla struttura». Ieri mattina in via Germania 24 per i rilievi è giunta una pattuglia della Squadra volante della questura. Alice Ferretti ©RIPRODUZIONE RISERVATA