Una commissione sul finanziamento perso

CODEVIGO Sarà una commissione consiliare a fare chiarezza sulle cause della perdita da parte dell'ente comunale di un contributo di 150 mila per l'adeguamento sismico della scuola media "Giovanni Pascoli". L'indagine è stata chiesta e ottenuta dai consiglieri di minoranza Maddalena Ferrara, Maurizio Ruzzon, Francesco Vessio e Sergio Bacco che hanno sollevato la questione in consiglio comunale. Scopo? Capire perché quel finanziamento di 150 mila euro messo a disposizione alla fine del 2012 dal ministero delle Infrastrutture a Codevigo non sia mai arrivato, indagando sulle cause che hanno portato alle decadenza dei termini e quindi di fatto a non poterne più usufruire. «L'iniziativa è motivata», ha spiegato il capogruppo di minoranza Maurizio Ruzzon, «dalla richiesta di approfondimento sull'argomento per verificare i fatti e le eventuali responsabilità amministrative». Negligenza di qualcuno? Mancato passaggio di consegne tra le amministrazioni che si sono succedute a metà dello scorso anno? Tutte questioni che presto dovrebbero trovare una risposta chiara e inequivocabile. «L'interruzione dell'iter amministrativo», hanno sottolineato i consiglieri di minoranza, «ha di fatto portato alla decadenza della possibilità di usufruire del finanziamento, con un grave danno in termini di sicurezza nei confronti dell'incolumità pubblica, con ulteriore aggravante in quanto si tratta di un edificio scolastico. Inoltre si profila un grave danno economico anche al Comune, dovendo ora, in caso di dimostrata necessità, provvedervi con oneri a carico del proprio bilancio». Da parte sua la maggioranza del sindaco Annunzio Belan ha acconsentito, con il voto, all'istituzione della commissione. Nulla da nascondere quindi, nella convinzione che le responsabilità dovrebbero essere ricercate altrove. «La richiesta del contributo», ha detto Belan, «era stata istruita dalla precedente amministrazione con l'obiettivo di ottenere un finanziamento per manutenzione straordinaria e non per la sistemazione sismica». La commissione durerà sei mesi e sarà composta, oltre che dal sindaco, da quattro consiglieri di maggioranza e due di minoranza. Alessandro Cesarato