Senza Titolo

ROMA Ci risiamo. Come è ormai da prassi negli ultimi tre campionati, il finale di stagione si tinge di giallo. Anzi, meglio dire di nero, visto che ancora una volta si alzano pericolosi sospetti di combine sulle partite del campionato italiano di calcio. Meglio, tuttavia, chiarire subito due aspetti. Punto primo, nessuna Procura, al momento, ha aperto alcuna inchiesta sul calcioscommesse. Punto secondo, non si tratta soltanto dei tornei italiani ma è un'indagine che abbraccia tutta Europa. E allora di che si tratta? Del rapporto annuale che Federbet ha presentato ieri al Parlamento europeo. Federbet è la Federazione europea di operatori del settore scommesse, che ha come obiettivo il contrasto al match-fixing, ovverosia le combine. È quindi un organismo esterno alla governance del calcio, sebbene proprio a inizio 2014 abbia stretto un accordo di collaborazione con la Lega di serie B. Le venete. Nel proprio rapporto Federbet denuncia oltre 500 partite sospette e 110 molto probabilmente truccate, dopo un'analisi a campione sui campionati europei, principalmente di Cipro, Grecia e paesi dell'Est, ma anche nelle leghe minori di Francia, Germania e Portogallo. Ovviamente c'è anche il campionato italiano, con 9 match giudicati "truccati". Due riguardano anche le formazioni venete di serie B. La prima in ordine cronologico è Padova-Carpi 1-4 del primo febbraio, gara che ha sancito l'esonero di Bortolo Mutti. Per questa sfida è stato segnalato un deciso abbassamento delle quote per il segno "2" . Grandi ombre anche su Cittadella-Empoli 2-2, penultima giornata, e che Francesco Baranca, Segretario Generale di Federbet, al sito dell'Espresso ha definito: «Il caso più eclatante». La combine sarebbe il pareggio con "over" , cioè con più di tre gol segnati in tutto. Le altre. Nel rapporto è presente anche una gara di serie A, Catania-Atalanta dell'ultima giornata, oltre a 5 del girone di B di Lega Pro. «Già due settimane fa avevamo ricevuto segnalazioni di flussi anomali», ha speigato la società bergamasca. «E abbiamo subito informato la procura federale». (s.v.)