Napolitano ai prefetti: ascoltare le proteste e fermare i violenti

«Senso di responsabilità», «lungimiranza», capacità di «ascoltare le proteste», «attitudine al confronto e alla mediazione» e al tempo stesso «fermezza contro ogni forma di violenza, illegalità e prevaricazione». Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano (foto) lo chiede ai prefetti, presidio dello Stato, in una società attraversata dalle inquietudini e, in alcuni casi, dalla disperazione, che può sfociare in violenza, provocata da una delle più gravi crisi economiche del Paese. Napolitano si rivolge ai prefetti in vista del 2 giugno Festa della Repubblica, invitandoli a dare «fiducia e sicurezza» agli italiani. «Coloro che, come voi, rivestono funzioni pubbliche sul territorio - afferma Napolitano - costituiscono il fronte più esposto alle sfide della quotidianità ed a quelle manifestazioni di malessere che debbono essere affrontate con senso di responsabilità e lungimiranza, non disgiunte dalla necessaria fermezza contro ogni forma di violenza, di illegalità e di prevaricazione».