Perizia falsa, rito abbreviato per l'esperto

ABANO TERME Stando all'accusa, uno dei maggiori esperti italiani di informatica, perito in molti processi, avrebbe falsificato una perizia per dare una mano a Fabiano Meneghetti, noto pregiudicato di Bovolenta condannato egualmente all'ergastolo per la rapina ad Abano conclusa con l'omicidio del gioielliere Gianfranco Piras il 19 giugno 2005. Era stata la Corte d'assise d'appello, nel 2009, a disporre una perizia antropometrica su Meneghetti affidandola a un professore di Bari, Giuseppe Mastronardi. Il 22 giugno il professore barese spiegava al presidente Gianico Rodighiero, al giudice a latere Marta Paccagnella e ai giudici popolari che quello ripreso dalle telecamere non era Meneghetti: a convincerlo era stata la differenza tra le spalle dell'imputato e quelle del rapinatore ripreso, che aveva il passamontagna e che non poteva essere riconosciuto dal volto. Nonostante le affermazioni dell'esperto, la Corte aveva egualmente condannato Meneghetti. A incastrare quest'ultimo c'erano il racconto di uno dei rapinatori, Maich Gabrieli, e altre prove. La Corte d'assise aveva inviato gli atti alla Procura veneziana e il pm Carlotta Franceschetti ha chiesto il rinvio a giudizio del professore per falsa perizia e favoreggiamento. Ieri, davanti al giudice, Mastronardi ha chiesto il rito abbreviato e l'udienza si svolgerà il prossimo 29 maggio. (g.c.)