Micalizzi risponde alla "motosega"

STANGA «Un'arlecchinata di chi pensa che la campagna elettorale si faccia col cabaret anziché sui contenuti». E' la risposta di Andrea Micalizzi, assessore al verde, alla protesta di mercoledì al parco Europa che ha visto protagonisti Daniela Ruffini e alcuni candidati della sua lista. Ironicamente avevano appeso ad un albero una targa in cui accusavano Micalizzi di aver permesso che a Padova venissero tagliati 1200 alberi, e avevano consegnato al suo assessorato la "motosega d'oro" stile tapiro di Striscia. «E' desolante che una delle più importanti cariche del Comune sottoponga ad un tale teatrino dipendenti comunali competenti e appassionati durante l'orario di lavoro» ha detto l'assessore; «Quanto alle alberature, se la presidente Ruffini invece di costruire una sega di cartone avesse guardato i dati, avrebbe visto che nel 2013 abbiamo abbattuto 525 alberi e non 1.200 e piantato 1.031 nuovi alberi. In città gli alberi sono 45.000: significa che ne abbattiamo circa l'1% e piantiamo più di quello che abbattiamo». (l.p.)