"Ballata di uomini e cani dedicata a Jack London" Marco Paolini rivisita il mito della frontiera

Da martedì 25 a domenica 30 al Teatro Verdi arriva la "Ballata di uomini e cani dedicata a Jack London" di e con Marco Paolini: un canzoniere teatrale, con brani tratti da opere e racconti dello scrittore americano Jack London e con musiche e canzoni che a queste opere s'ispirano; qualcosa di profondamente diverso da un semplice accompagnamento. Per chi vorrà approfondire, scoprire qualcosa in più di questo appuntamento teatrale Marco Paolini incontrerà il pubblico giovedì 27 alle 17 al Verdi. In scena viene proposta una narrazione che dialoga con la forma, composta da tre racconti, di circa mezz'ora ciascuno, più uno più breve costruito su episodi giovanili tratti dalla biografia di London. Sono "Macchia", "Bastardo" e "Preparare un fuoco" i tre episodi e in tutti e tre uomini e cani sono coprotagonisti. Paolini ha scelto tra le tante traduzioni quella di Davide Sapienza. «Questo è un mio tributo è allo scrittore che mi ha accompagnato nelle mie letture da ragazzo – spiega Paolini - ma Jack non è uno scrittore per ragazzi, la definizione gli sta stretta. È un testimone di parte, si schiera, si compromette, quello che fa entra in contraddittorio con quello che pensa. È facile usarlo per sostenere un punto di vista, ma anche il suo contrario: Zanna Bianca e Il richiamo della foresta sono antitetici. La sua vita è fatta di periodi che hanno un inizio e una fine e non si ripetono più. Lo scrittore parte da quei periodi per inventare storie credibili, dove l'invenzione affonda nell'esperienza ma la supera». Dalla vasta produzione letteraria dello scrittore, nonostante sia morto a 40 anni, Marco Paolini ha scelto alcuni racconti ambientati nel grande Nord, storie di boschi e rifugi ha hanno trovato una nuova intensità grazie alla musica affidata a Lorenzo Monguzzi con Angelo Baselli e Gianluca Casadei, loro le hanno composte e le eseguono dal vivo nelle rappresentazioni teatrali. Monguzzi con voce e chitarra in questo spettacolo, musicista di lunga esperienza con all'attivo più di cinque album alla quale affianca le tante collaborazioni, come quelle con Mario Brunello oltre che a Paolini. Baselli al Verdi, oltre che compositore suonerà il clarinetto, mentre Casadei la fisarmonica. Lo spettacolo, prodotto da Jolefilm, andrà in scena da martedì 25 a sabato 29 marzo alle 20.45, domenica 30 alle 16. Biglietti da 11 euro (galleria) a 19 euro (balconata, pepiano e platea). (E.Bol.)