Nuovo crollo a Pompei, giù un muro: «Non è accaduto di recente»

Pompei continua a crollare. Un nuovo cedimento ha interessato una porzione di un muro in pietra non affrescato che delimita una domus in un vicolo di via di Nola, nella Regio V, in un'area già interdetta al pubblico per gli interventi di messa in sicurezza del Grande progetto Pompei, che saranno realizzati entro il 2015. Il muro è di un metro di altezza e lungo 1,3 metri. A cedere è stata la parte superiore. Il crollo è stato scoperto ieri mattina da un custode e immediatamente segnalato al ministero per i Beni e le Attività culturali. La Soprintendenza ha informato la magistratura e il comando dei carabinieri, che sta effettuando, insieme ai tecnici interni, le necessarie verifiche. Ma il "nuovo" crollo «non è avvenuto questa notte» rivela il soprintendente Massimo Osanna: «Le prime analisi archeologiche dimostrano che non si tratta di un evento recente. Adesso saranno le autorità competenti e gli esperti a valutare il caso».