Devastano una casa per portarsi via 10 medaglie d'argento

di Gianni Biasetto wTEOLO Ci vorranno almeno un paio di giorni di lavoro a Dino Lissandrin, un residente di Villa di Teolo, per sistemare lo scompiglio lasciato dai ladri sabato sera nella sua abitazione di via Euganea Teolo. Una casa isolata in mezzo al bosco, che si trova lungo una laterale della strada provinciale che dalla frazione di Villa sale verso Teolo Alto. I malviventi hanno raggiunto la villetta a piedi e dopo aver scavalcato la recinzione di un vicino sono saliti su una terrazza e si sono introdotti nell'appartamento forzando una delle finestre che si trovano al piano superiore. Lissandrin e la moglie erano fuori casa. «Quando siamo rincasati, poco dopo le 23, abbiamo trovato la casa sottosopra», racconta Lissandrin. Cassetti dell'armadio della camera da letto aperti e con il contenuto sparso in ogni angolo, comodini rovesciati, vestiario buttato ovunque. «Forse hanno rovistato in ogni posto alla ricerca di denaro che in casa per abitudine evitiamo di tenere», prosegue nel suo racconto Lissandrin. «Nella gran confusione che hanno lasciato, finora sembra manchino all'appello soltanto dieci medaglie d'argento. Si tratta di premi che hanno un valore affettivo perché sono il ricordo di alcune gare di rally che ho fatto con il compianto pilota Roberto Sabbion. Non si sono accorti, o forse non erano di loro interesse, alcuni monili d'oro di mia moglie che erano sul comodino della camera». I ladri con tutta probabilità sono stati disturbati dall'arrivo della coppia perché non hanno concluso la loro devastante ricerca. Sul posto sabato sera sono intervenuti i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Abano. ©RIPRODUZIONE RISERVATA