Senza Titolo

ROMA Prima di tutto, un ricordo dell'avvocato Gianni Agnelli nell'undicesimo anniversario della sua morte. Poi tutto il resto, sia esso calcio giocato, parlato, o calciomercato. La Juventus ha vissuto così la vigilia della partita contro la Lazio, in programma stasera nella Capitale, dove cerca la sua tredicesima vittoria. Conte ha scelto di giocare senza Mirko Vucinic. Il montenegrino si è allenato con i compagni, ma non è stato convocato per la trasferta. Per la Juve, Vucinic resta in partenza da Torino. La pista Inter non sembra definitivamente tramontata, ma tutto dipenderà dal chiarimento tra le due dirigenze, che potrà arrivare soltanto dopo il ritorno in Italia del presidente nerazzurro Thohir. Nello stesso tempo per Vucinic rimane viva l'ipotesi di un trasferimento all'estero: Inghilterra (Arsenal, Tottenham), Principato di Monaco (in sostituzione dello sfortunato Falcao), Russia (la squadra russa allenata da Luciano Spalletti non ha nascosto il suo interesse per il giocatore bianconero). L'unico elemento certo è questo: la Juve rifiuta ogni possibilità di prestito, punta esclusivamente alla cessione definitiva. Se l'ad Giuseppe Marotta continua a tener d'occhio il mercato, Antonio Conte pensa soltanto al campionato. Il tecnico bianconero pensa ad allungare la striscia record di vittorie consecutive, e a dimenticare rapidamente l'eliminazione in Coppa Italia. L'unico che non ci sarà contro la Lazio è lo squalificato Chiellini, sostituito da Ogbonna. Per il resto, niente turnover; in campo andrà la formazione migliore con il rientro, rispetto all'impegno infrasettimanale con la Roma, di Tevez e Llorente in attacco, di Pogba a centrocampo e Buffon in porta. L'unico ballottaggio riguarda Pirlo e Marchisio in regia. Uno dei due dovrebbe andare in panchina. La giornata calcistica si apre oggi pomeriggio alle roe 18 da Napoli-Chievo.Vietato sbagliare per il Napoli che, dopo il pari di Bologna, deve riprendere al San Paolo il cammino a ritmi alti per restare agganciato alla Roma e difendere intanto il terzo posto. Un obiettivo che Benitez ha ben chiaro. Il tecnico madrileno, è stato chiaro: «Abbiamo una responsabilità, conquistare la Champions, che è molto importante per il club. Ho parlato con i giocatori, dobbiamo inseguire la Roma, senza guardarci indietro».