Senza Titolo

STAFFETTA SERENISSIMA a Monteforte d'Alpone nnLa staffetta Serenissima scatterà alle ore 8 da Mirano (Venezia) e si concluderà alle ore 19 sulla gradinata del duomo di S. Maria Maggiore di Monteforte d'Alpone (Verona). La staffetta è in programma sabato sull'ormai collaudato percorso di circa 100 chilometri che interessa province di Venezia, Padova, Vicenza e Verona. La manifestazione è aperta a tutti i runner e prevede un'andatura media di 10 chilometri l'ora. Lo spirito della staffetta, che è valida per i concorsi Fiasp/Ivv, è che a fare l'andatura sarà il più lento dei vari gruppi che si formeranno lungo il tracciato. Il tratto iniziale sarà gestito dai podisti dei gruppi Bancarella di Mirano, Podisti Dolesi e Sarmati. I padovani scenderanno in pista intorno alle ore 10 al primo cambio previsto alle ore 10 al ponte sul Brenta in località Noventana. Alle 11 di fronte alla chiesa di Pontevigodarzere inizierà il tratto camminato di circa 4 chilometri fino all'incrocio tra le vie Sacro cuore e Due Palazzi dove alle 11.45 partirà la frazione di 7 chilometri fino a Mestrino dove la carovana dei tedofori farà tappa al cimitero per rendere omaggio allo scomparso segretario della Fiasp, Giancarlo Bellan. La corsa ripartirà alle 13 in direzione di Veggiano e Cervarese S. Croce dove transiterà alle 13.45. Al cimitero di Bastia, dove il passaggio è previsto alle 14, ci sarà una breve sosta per un saluto all'atleta Ennio Benato scomparso in giovane età. La staffetta raggiungerà Ponte di Barbarano alle 15.15. Alle 16.15 sarà ad Orgiano e alle 17.30 a Lonigo dove partirà l'ultima frazione verso Monteforte d'Alpone. Alle 18.45 dalla Pesa pubblica scatterà la fiaccolata conclusiva con tutti i partecipanti fino alla gradinata del duomo dove sarà acceso il tripode in segno di amicizia. La manifestazione, che si concluderà nella località dove nel 20 aprile del 1977 fu fondato il Comitato interprovinciale Fiasp di Verona e Padova, è il prologo del mega raduno di domenica 19 gennaio per il Trofeo S. Antonio Abate che richiamerà a Monteforte circa 18mila podisti. Si tratta di una delle manifestazioni più partecipate in Italia. IN 2000 DI CORSA NEL PARCO TERGOLANDIA nn La novità della 31/a Caminada pà Fimiseo di domenica scorsa è stato il passaggio lungo il percorso pedonale sulle rive del torrente Tergola e nel parco di Tergolandia vicino alla chiesetta degli Alpini. Una scelta, quella del Gs Fiumicello, che i podisti hanno apprezzato. A capitanare i 62 gruppi in classifica è stato il neonato Gs Gino Belfiori con 80 iscritti. A Fiumicello a vigilare i parcheggi dove i partecipanti avevano lasciato le auto in sosta, sono stati più di 20 volontari che hanno girato per tutta la mattinata in bicicletta. Una iniziativa davveo lodevole che ha permesso ai runner-automobilisti di non trovare sgradite sorprese.