Baldovin tranquillo «Adesso pensiamo a Sora, alla Coppa»

PADOVA Partitona. Chiedere un commento al mister Valerio Baldovin e al presidente Fabio Cremonese, sortisce la medesima parola. Vincere per tre set a zero contro la seconda in classifica, quella che schierava il bianconero Pedron in prestito, e nonostante fosse orfana del suo giocatore di punta, si annunciava come un travaglio, ecco, vincere così equivale a una scorpacciata di autostima e rinnovate energie. «Abbiamo interpretato bene la partita», sottolinea il coach. «Abbiamo fatto molta pressione a muro-difesa e loro ne hanno risentito, sbagliando molto in attacco. Abbiamo giocato bene e li abbiamo sgretolati». La supremazia padovana è stata piuttosto netta, basta guardare i parziali. Ora da preparare c'è l'incontro di Coppa Italia, a Monza, sabato prossimo. «Contro il Sora cercheremo di dare ancora il massimo» annuncia Baldovin. «Ragioniamo partita per partita, senza porci limiti». Felicissimo del risultato anche il presidente Cremonese: «Abbiamo visto un Matera decisamente sottotono: non era quello che conosciamo, e noi, sbagliando poco, abbiamo approfittato di una giornata negativa del nostro avversario». Agonismo e competitività a livelli stellari, che non lasciano spiragli. «Certamente», prosegue il presidente, «non mi aspettavo questi parziali, piuttosto immaginavo punteggi molto vicini a quelli fatti con il Monza, in cui lo scarto era veramente poco. La Coppa? Ci teniamo a fare bella figura. Non abbassiamo mai la guardia, nemmeno con le squadre ultime in classifica».