Abano e Montegrotto da tutto esaurito per il ponte dei Santi

di Federico Franchin wABANO Finalmente un po' di positività, in mezzo ad un anno molto difficile per albergatori e commercianti termali. Il ponte di Ognissanti ha fatto registrare il tutto esaurito negli alberghi di Abano e Montegrotto. Gli hotel termali contano 17 mila posti letto e di questi è rimasta libera solo qualche camera degli alberghi super lusso. Una bella boccata d'ossigeno, anche considerando che l'Immacolata cadrà di domenica e che quindi non ci sarà un ponte lungo. «Abbiamo riempito tutti gli alberghi», spiega Gianluca Bregolin, presidente dell'Assoalbergatori. «Tra Abano e Montegrotto siamo ai livelli che di solito si toccano a Capodanno. Alcuni alberghi hanno dovuto declinare delle richieste. C'è qualche camera solo al Camping e allo Sporting. Ottobre e novembre sono storicamente mesi di buoni affari per i nostri hotel, ma di certo stavolta il 30% delle attuali presenze sono dovute al ponte di Ognissanti». E' un target turistico rivoluzionato quello che sta facendo le fortune degli alberghi durante il ponte: «Ci sono molti italiani, insieme a tedeschi, francesi e russi. In tanti stanno scegliendo il ponte come alternativa alla classica vacanza da una settimana. La grande novità è la presenza di tante famiglie con ragazzi dai 12 ai 20 anni». Finalmente un po' di soldi che entrano nelle casse degli albergatori: «Abbiamo raddrizzato un anno un po' sottotono. Stiamo cercando di sfruttare al massimo questi due mesi. Stiamo andando meglio dello scorso anno». Se sorridono gli albergatori, lo stesso fanno i commercianti. Per le vie della zona pedonale tanto fermento creato dai turisti e dai visitatori padovani. Tra le bancarelle, le mostre di quadri e i negozi, c'è l'imbarazzo della scelta: «C'è una Abano frizzante», racconta il presidente di Ascom Michele Ghiraldo. "E' un piacere vedere tutte queste famiglie che si fanno coccolare da noi commercianti. Questo è un weekend da sfruttare per fare cassa di risonanza». ©RIPRODUZIONE RISERVATA