Le proposte dell'Udc per salvare i posti di lavoro

MONSELICE «Il nostro pensiero va a tutti i lavoratori che perderanno il posto»: così l'Udc di Monselice interviene sull'annunciata chiusura di Italcementi. Alla vigilia del consiglio comunale che, domani sera, si occuperà della questione, l'Udc lancia la propria ricetta. Chiedendo all'azienda di rinviare al 2015 ogni decisione sullo stabilimento, come previsto dal piano industriale. Se nel 2015 mancassero ancora i segnali di ripresa, l'Udc suggerisce alcune idee: «Approvazione immediata di un piano di riqualificazione urbanistica e ambientale del sito produttivo, disponibilità dell'azienda a garantire l'utilizzo a titolo gratuito dei locali adibiti a prove, controlli e collaudi per valutare la possibilità di creare una cooperativa o una società fra i dipendenti». L'Udc propone anche di portare la Scuola di formazione edile nei locali Italcementi, impegnando così alcuni dipendenti in attività formative, e infine l'attivazione di un tavolo con la Regione e il ministero per lo Sviluppo Economico per valutare la possibilità che un altra azienda possa rilevare o disporre in affitto di parte dello stabilimento per realizzare altre attività produttive». (f.se.)