L'Ippodromo apre ai cavalli d'acciaio

di Gianni Biasetto wPADOVA L'ippodromo Breda "Le Padovanelle" apre ai cavalli d'acciaio. L'impianto di Ponte di Brenta, che ha chiuso alle corse ippiche nel dicembre del 2011, sabato prossimo ospiterà la prima prova degli Internazionali d'Italia di Supercross. Una disciplina motociclistica che in America riempie le arene di spettatori e che in occasione dell'evento padovano richiamerà una sessantina di piloti italiani, francesi e americani distribuiti in quattro categorie a seconda delle cilindrate. Le moto da cross al posto dei cavalli, dunque, per un giorno padrone di un impianto che ha segnato la storia dell'ippica italiana e che sta vivendo uno dei momenti più difficili da quanto è stato costruito. La gara si disputerà su una apposita pista che gli organizzatori (SportEventys, Martin Dancing Technology e MotoClub Fun Bike) stanno realizzando in questi giorni a tempo di record nello spazio verde al centro dell'anello che per anni ha ospitato le corse dei purosangue. Si tratta di un circuito dello sviluppo di 600 metri che i piloti dovranno percorrere in meno di un minuto, formato da due rettilinei, due curve paraboliche, un doppio americano (specie di tornanti) e uno classico e alcuni woops (le dune). Il tutto realizzato con terra di riporto che le ruspe toglieranno appena conclusa la gara. «La scelta di portare all'interno dell'ippodromo questo evento è legata al fatto che si vuole tentare di far vivere questo impianto che così com'è rischia di non avere futuro», spiega l'assessore allo sport del Comune di Padova, Umberto Zampieri. «È un'occasione per i padovani di tornare a varcare la soglia delle Padovanelle, anche non saranno i cavalli a scaldare gli animi ma bensì una disciplina sportiva che fa comunque lievitare l'adrenalina». Tra i piloti annunciati c'è anche il fortissimo Angelo Pellegrini del Team Martin Rancing di Padova che corre su Honda in categoria SX1. Altri protagonisti della kermesse di sabato saranno: Matteo Bonini (Kawasaki), Davide Degli Esposti (Suzuki), Dario Marazzo (Honda), Andrea Winkler (Honda) e il rappresentate delle Fiamme Oro Stefano Dami (Yamaha). «Si tratta di piloti professionisti di primissimo piano nel supercross, in grado di assicurare spettacolo», commenta il presidente del Fun Bike, Andrea Girardello. «Domani pomeriggio, dalle 16 alle 19, ci sarà un momento promozionale dedicato ai bambini dai 7 ai 14 anni che proveranno l'emozione del cross in sella a delle mini-moto». La giornata clou dell'evento, quella di sabato, si aprirà alle 13.30 con le prove libere. Alle 16 inizieranno le gare cronometrate per stabilire la griglia di partenza delle due manche eliminatorie delle 18. Le finali, con 15 piloti per volta in griglia, inizieranno alle 21. Negli intervalli per mantenere calda l'atmosfera ci saranno delle esibizioni dei funamboli del Freestyle con le moto volanti che raggiungono i 15 metri d'altezza.