Senza Titolo

COGOLLO DEL CENGIO Si è concluso verso le 14 con un rinfresco a base di prodotti della Valle dell'Astico il secondo slow mob organizzato dal comitato No Valdastico Nord o di Casale (Cogollo del Cengio) per ribadire il no al prolungamento dell'autostrada A31 Nord. Noncuranti del maltempo sono partiti puntuali, alle 10, circa 60 mezzi tra auto, camion e trattori, ai quali se ne sono aggiunti un'altra ventina strada facendo. Il corteo è passato per Caltrano, Piovene Rocchette, Meda, Velo d'Astico, Arsiero, Pedescala, S. Pietro Valdastico, Casotto, Scalzeri, Brancafora, Ciechi e Lastebasse. Attento a non creare problemi alla circolazione e comunque agevolato dall'intervento dei carabinieri negli incroci più critici. Numerose le persone affacciate ai balconi e alle finestre o accorse in strada per applaudire e incitare il corteo.«La nostra azione di sensibilizzazione sta dando ottimi frutti» dichiarano gli organizzatori «Veniamo contattati da sempre più persone e associazioni che ci chiedono cosa possono fare concretamente per difendere la valle dell'Astico. Non ci fermiamo certo qui. Oltre a portare avanti i ricorsi al Tar e a far pressione sui consigli comunali della valle, stiamo elaborando nuove iniziative per evidenziare le decisioni scellerate di una società privata, l'Autostrada Brescia-Padova, fatte contro i diritti e i veri interessi dei cittadini».