Vigilanti, ridotto il servizio in bus

I vigilanti della Padova Controlli non salgono più sul tram e sui bus di Aps Holding ogni giorno, in particolare nelle fasce serali, a fianco dei verificatori aziendali, per garantire un controllo più capillare. Le guardie giurate con la pistola in fondina salgono sul serpentone blu e sugli autobus soltanto ogni due-tre giorni, dalle 18 a mezzanotte. Il servizio " a singhiozzo" dei vigilanti non è stato accolto con soddisfazione da parte degli autisti dell'Aps. «Quando, alla sera, ci sono a bordo anche le guardie giurate, mi sento più sicuro alla guida del bus e del tram» osserva un dipendente che lavora nella municipalizzata da 15 anni. «Quando cala la notte tra i nostri clienti abituali circolano anche brutti ceffi. La sola presenza dei vigilanti, poi, è uno stimolo ad acquistare il biglietti per chi magari ne farebbe a meno. So benissimo che le risorse dell'azienda sono quelle che sono anche perché, attualmente, il biglietto è il più basso del Veneto (1.20 euro), ma gli amministratori potrebbero fare uno sforzo economico ulteriore per portare a bordo anche i vigilanti ogni sera. «Leggermente diverso il commento del sindacalista-autista Paolo Tollio, della segreteria provinciale della Filt-Cgil. «E' scontato che la presenza a bordo dei vigilanti costituisca un deterrente importante sia contro i malviventi e chi non paga il biglietto», sottolinea Tollio. «Purtroppo i fatti dimostrano che il fenomeno dell'evasione non cala quando vengono utilizzate le guardie giurate. Secondo me, più che con la repressione, bisogna combattere il fenomeno con la prevenzione. In pratica facendo girare più i controllori in tutte le fasce della giornata. A questo punto la presenza dei vigilanti risulterebbe superflua».( f.pad.)