Eleonora, Sabrina e Angela lanciano l'assalto al titolo

Per Angela Robusti e Sabrina Sandrin questo doveva essere l'ultimo anno, l'ultima volta che tentavano di arrivare alla fase nazionale del concorso di bellezza di Miss Italia. A loro favore ha giocato l'esperienza, la maturità e lo spirito "sportivo" con cui hanno affrontato le selezioni e vinto rispettivamente la fascia regionale di Miss Wella e Miss Eleganza. Due titoli importanti che da oggi le accompagneranno a Montecatini Terme per le pre-selezioni nazionali, altra scrematura che da 223 porterà le miss alle 101 finaliste (di queste 23 sono le ragazze che hanno vinto i titoli regionali). Le padovane che da oggi al 26 agosto, serata in cui Fabrizio Frizzi comunicherà i nomi delle 78 fortunate, si faranno conoscere dalla giuria sono tre. Oltre ad Angela e Sabrina, ha preparato armi e bagagli anche Eleonora Schiavon con il titolo di Miss Sorriso Veneto, ereditato sabato scorso da Chantal Nardin, la trevigiana scelta come Miss Veneto 2012, che le ha ceduto la fascia. Per le tre sarà una bella avventura iniziata già con la valigia. «C'è una nutrita lista di cose da portare, gli organizzatori ci hanno preparato da subito – racconta Angela Robusti di Veggiano – sandali dorati e intimo abbinato, è un po' come preparare la borsa per i centri estivi e un'occasione per fare uno shopping intelligente, di cose utili» continua la neolaureata, che tra poche settimane riprenderà con gli studi per la laurea magistrale in architettura. L'unica bionda delle tre ha 22 anni, i suoi portafortuna non sono materiali ma nel cuore. Ci tiene a sottolineare che porterà a Montecatini il suo inseparabile pc con le foto del fidanzato Carlo e dei suoi genitori. Un pensiero alla famiglia e agli studi lo fa anche Sabrina Sandrin, ventenne che vive a Conselve e che al suo esordio, tre anni fa, ha vinto la fascia di Miss mattino di Padova. «Porto con me la spilla a coccinella che mi ha sempre portato fortuna e poi ci saranno mamma Federica e papà Enrico a sostenermi. Questa è una bella opportunità» spiega la studentessa in Scienze della Comunicazione «oltre alla laurea non mi dispiacerebbe diventare una modella, magari sfilare per Chanel. Ora l'obiettivo è superare la giuria e passare il 26 agosto». Bagagli pronti anche per Eleonora Schiavon di Fratte di Santa Giustina in Colle che, seguendo la determinazione tipica di chi come lei fa sport da 10 anni, ha intenzione di stare a Montecatini fino alla fine. «È una prova, come lo è stata laurearmi prima dei tempi in tecnologia alimentare» sostiene la ventunenne «affronto questa nuova esperienza con serenità e con la giusta dose di grinta, quella che metto da anni quando gioco a pallavolo e che userò a ottobre quando riprenderò gli studi per specializzarmi». (e.bol.)