Senza Titolo

PADOVA Tutti in coda per la consulenza gratuita dell'Imu: tutti in coda senza protestare, con tanto di tendone stile raduno degli alpini, per non bagnarsi sotto la pioggia di maggio. La scena si ripete ogni giorno, all'ufficio tributi del Comune di Padova: il cortile della Loggia Amulea, che si affaccia su Prato della Valle, accoglie 300-350 contribuenti al giorno. E c'è l'impressione che a giugno il lavoro aumenterà, ma l'assessore Umberto Zampieri è convinto di vincere la sfida, grazie alla collaborazione dei suoi superconsulenti, guidati da Maria Pia Bergamaschi e Pietro Lo Bosco. I nostri sportelli sono in grado di calcolare l'Imu e di consegnare ai contribuenti i modelli F24 con cui effettuare i pagamenti in banca e in posta. Ricordo che non ci sono costi di commissione aggiuntivi applicati nei precedenti bollettini di conto corrente dell'Ici, spiega la dottoressa Bergamaschi. Il nostro lavoro diventa molto più rapido se ci viene fornita la rendita catastale dell'abitazione, che compare nell'atto notarile di acquisto dell'immobile. Ma se ci fossero dei problemi, noi la possiamo fornire con la banca dati dell'Agenzia del Territorio. La consulenza che svolgiamo è a titolo gratuito, come servizio pubblico ai cittadini. E ne siamo orgogliosi. Quante persone sono passate negli uffici della Loggia Amulea? Oltre tremila in venti giorni, oltre a quelle ricevute su appuntamento negli uffici decentrati di due quartieri. Ma chi si presenta allo sportello porta con sé anche la pratica del figlio o dell'amico e quindi il calcolo va moltiplicato per 2 o 3 volte. Che il servizio sia davvero superqualificato lo conferma la visita dei Caf e di molti autorevoli studi di commercialisti e consulenti immobiliari, che bussano all'ufficio Tributi del Comune per dirimere i casi più strani di multiproprietà. Insomma, Padova ha anticipato di almeno un mese la direttiva del Governo che in 100 grandi città ha aperto sportelli di consulenza gratuita negli uffici di Equitalia. Infine una curiosità: come si fa a pagare l'Imu dimezzata, senza che nessun sindaco metta mano alle aliquote, grazie a un maxi-sconto previsto per tutt'Italia? Bisogna vivere in un'abitazione con vincolo di tutela della Sovrintendenza ai Beni ambientali: in un palazzo storico, villa veneta della Riviera del Brenta o in un altro immobile meritevole di pregio. Venezia ne ha 7 mila, Padova molti di meno.