L'antenna Telecom lascia via Granzette per l'area ospedale

di Francesca Segato wMONSELICE Spostare provvisoriamente l'antenna Telecom da via Granzette all'area dell'Ospedale unico. È l'ipotesi emersa nel corso dell'incontro che si è svolto ieri in Municipio: presenti Telecom, il sindaco Francesco Lunghi, il responsabile dell'ufficio tecnico Mario Raniolo, l'assessore all'Ambiente Beppino Zerbetto, e la delegazione del Comitato "No antenna di Via Granzette" con il consigliere comunale della "Nuova Monselice", Francesco Miazzi. Che fare a questo punto, dopo che l'antenna, collocata a ridosso di alcune case e a distanza insufficiente dalla strada, è stata stoppata con ordinanza? Il sindaco ha esordito ricordando di aver trovato gli operai ancora al lavoro, venerdì scorso, nonostante il blocco del cantiere. «Recandomi sul poso, ho constatato che l'antenna è davvero troppo vicina alle case» ha sottolineato Lunghi. Unanime, quindi, la richiesta all'azienda di cercare un altro sito. Telecom ha affermato che il suo interesse è coprire con il segnale, i treni ad alta velocità e di aver bisogno quindi di un sito limitrofo alla linea ferroviaria. L'amministrazione comunale ha proposto di installare la stazione radiobase nell'area del nuovo ospedale, dopo aver ottenuto una disponibilità di massima da parte del Direttore dell'Uls 17 e dal responsabile di cantiere. Ci sarebbe però un grosso "ma": nella zona dovrebbe sorgere anche un asilo nido. Diverso il suggerimento dei residenti: collocare l'antenna in aree disabitate a ridosso della nuova Sr10. Di fronte a queste proposte alternative, Telecom, che si troverebbe a dover presentare da zero un nuovo progetto, ha chiesto d'istallare l'antenna su di un carrello mobile nel sito di via Granzette, in attesa di trovare una postazione definitiva. I residenti hanno risposto con un secco no. «Il carrello potrebbe essere installato temporaneamente nell'area del cantiere dell'Ospedale – ha suggerito Miazzi –. Ci sarebbe il tempo di ricercare una soluzione stabile a garanzia della salute dei residenti e dei frequentatori dell'ospedale». Indicazioni accolte dal sindaco Lunghi: già stamattina i tecnici del Comune, della Telecom e i responsabili del cantiere dell'Ospedale si ritroveranno per verificare la fattibilità della proposta. ©RIPRODUZIONE RISERVATA