L'Alberghiero "sforna" centini

MONTAGNANALo "Jacopo da Montagnana" chiude l'anno scolastico assegnando cinque cento. Di questi ben quattro arrivano dall'indirizzo alberghiero. Il primo è quello di Sara Milan di Lusia (Rovigo), che ha frequentato il corso di sala e vendita e che ora cambierà radicalmente settore: la studentessa ha intenzione di frequentare Ca' Foscari per imparare il giapponese. Sonia Gioli è invece di Barbarano Vicentino (Vicenza) e ha ottenuto il cento nel corso di pasticceria: ora proseguirà gli studi probabilmente alla facoltà di Dietistica all'Università di Padova. Sonia ha una passione molto particolare, ossia quella di intagliare frutta e verdura. Anche Ceslava Simakovic arriva dal corso di pasticceria: vive ad Arcole (Verona), è nata in Bosnia ed Erzegovina a Doboj ed è dal 2000 in Italia. Da settembre frequenterà una facoltà di Lingue a Verona o a Trento. L'ultima centina dell'alberghiero, dall'indirizzo accoglienza, è Ilaria Vanessa Pastorello di Megliadino San Fidenzio. Pur avendo ricevuto proposte di lavoro dalla Germania, la neocentina continuerà gli studi e tenterà di frequentare l'università per interpreti e traduttori di Trieste. Lo "Jacopo da Montagnana" ha visto meritare il massimo dei voti anche a Enrico Paccagnella di Montagnana, studente di liceo scientifico e nello specifico del corso di scienze applicate: per lui ora si aprono le porte di Ingegneria informatica. Un'ultima nota: nell'articolo della settimana scorsa abbiamo dato notizia del cento meritato da Matteo Scordari al liceo scientifico "G.B. Ferrari" di Este: lo studente atestino si è guadagnato anche la lode. (n.c.)