Senza Titolo

Tre giorni di festa, spettacoli e sorprese saranno la formula per festeggiare 10 anni del circolo culturale Carichi Sospesi, nato dalla passione di Marco Caldiron e Silvio Barbiero per il teatro, che ben presto si è trasformato in un contenitore di cultura, uno spazio dove si fermano cantautori con i loro recital, compagnie teatrali di tutta Italia e produzioni del territorio, un punto di riferimento per gli artisti più singolari, che qui trovano ospitalità anche per sperimentare nuove idee. Non solo, il Carichi Sospesi è diventato un punto di riferimento del Portello, una sorta di presidio sociale del territorio. Dieci anni fa non era così scontato aprire un circolo che avesse come anima il teatro, non era scontato arrivare neppure alle 10 candeline. «Abbiamo pensato ai Carichi come uno spazio aperto alla città, nato con la precisa intenzione di collaborare con tutti quelle realtà che vogliono sposare il nostro modo di concepire intrattenimento e cultura – racconta Caldiron – in questi tre giorni proporremo le nostre produzioni teatrali, ci sarà una mostra, una sorta di revival di questo periodo passato, tanti artisti e compagnie che negli anni hanno lavorato e collaborato con noi, che metteranno in scena un piccolo omaggio al nostro circolo. Poi lasceremo anche spazio al pubblico lasciandogli il palco per 10 minuti e lo inviteremo a rispondere a qualche domanda sul nostro circolo». I tre giorni saranno intensi, tutte le serate iniziano alle 20.30, sono ad ingresso libero ma serve la tessera Arci, per questa occasione il tesseramento sarà a prezzo agevolato 8 euro anziché 10. Si comincia venerdì 10 con In Vino Veritas, che vede alla regia Marco Caldiron, ed in scena Silvio Barbiero e Paolo Tizianel. A fare un piccolo regalo al Carchi con un tributo si alterneranno sul palco: CambiScena, Loris Contarini con Sergio Marchesini e Paolo Valentini, Teatrocontinuo, Teatrortaet, Filippo Tognazzo. Inoltre ci sarà un open stage speciale presentato da Beppe Tenenti. Il sabato tocca ad un'altra produzione conosciuta "North B-East" e poi seguono gli omaggio di Amor Vacui, Roberto Caruso e Cristina Minoja, Enrico Corradini, Paolo Franciosi e Sergio Marchesini, Teatro de Linutile e Pierantonio Rizzato (Tpr), Stefano Razzolini, Sandra Zabeo e Francesca Lega. Domenica è l'ultimo giorno di festa che propone lo spettacolo Groppi d'amore nella scuraglia e poi i tributi di Barabao Teatro, Beppe Casales, Anna Marcato - Tania Furia - Rossella Bellantuomo (Sirene), Andrea Pennacchi, Vasco Mirandola e Alessia Garbo. A chiudere tutte le serate i dj set di Pando e Dottor Gonzo dj. Erika Bollettin