Valsugana donne, finalmente è gioia

PADOVA Domenica di festa per le Valsu Girls che centrano la prima vittoria stagionale. Ieri agli impianti di Altichiero, il Valsugana femminile ha sconfitto 24-17 il temibile Monza, terzo in classifica. Grazie ai 4 punti conquistati le biancazzurre padovane si rilanciano in classifica all'inseguimento del Colorno. Il 4º turno di andata di Serie A femminile regala finalmente la vittoria alle Valsu Girls che, dopo i ko contro Benetton e Riviera erano incappate in una sconfitta inaspettata a Colorno. Ieri, nonostante i problemi di formazione dovuti agli infortuni, le biancazzurre hanno potuto schierare tutte e tre le giocatrici recentemente convocate con la Nazionale per il test-match contro gli Usa: Valentina Ruzza, Maria Diletta Veronese e Paola Zangirolami (ieri schierata a terza linea). Dopo aver sbloccato il risultato con un calcio piazzato di Rigoni all'8', il Valsugana ha subito le iniziative del Monza, in meta due volte nel primo tempo con Arrighetti e Chindamo. Rabbiosa la reazione padovana nella ripresa, con Didi Veronese che segna subito alla prima azione. Grazie ad una difesa aggressiva ed avanzante le biancazzurre imbrigliano le lombarde lottando su ogni palla, senza lesinare scontri proibiti come testimoniano i tre gialli. A decidere l'incontro è così una doppietta dell'ala Serafin, ottimamente servita dalle compagne. VALSUGANA - MONZA 24 - 17. VALSUGANA: Stefan; Serafin, Veronese, Folli (st 31' Costa), Salvadego; Rigoni, Zatti; Zangirolami, Bortolotto, Crozzoletto; Migotto, Ruzza; Cerato, Giraudo, Galiazzo. N.e. Vittadello. All. Remonato. MONZA: Virgili, Buongiorno, Bollini, Trilli (pt 39' Giuliani), Panizzuti, Rochas, Chindamo, Gaudino, Arrighetti (pt 33' Calabrese), Cammarano, Calligaro, Belloli (pt 13' Locatelli), Di Toma, Coulibaly, Barazzetta. All. Tagliabue. ARBITRO: Imbriaco (Bologna). MARCATRICI: p.t. 8' c.p. Rigoni, 25' m. Arrighetti tr. Virgili, 33' m. Chindamo tr. Virgili; s.t. 1' m. Veronese tr. Rigoni, 3' c.p. Virgili, 5' m. Serafin tr. Rigoni, 32' m. Serafin tr. Rigoni. GUARDA LA FOTOGALLERY E COMMENTA Su www.mattinopadova.it