Longhi, Coppola e Gabrieli: «Vinciamo con due gol» «Nanu» punta su De Paula


PADOVA.Vince il Padova. Parola di ex. E neanche ex qualsiasi, ma gli ex dell'ultima promozione in serie A, quella del 1994, sparsi un po' per tutta Italia. Dal Sud al Nord passando per il Centro. Lo dice per esempio da Benevento «Nanu» Galderisi, già con la mente alla prima sfida playoff contro la Juve Stabia. Lo assicura da Udine «Batman» Bonaiuti, il portierone saracinesca allenatore dei portieri dell'Udinese. Lo garantisce da Arezzo Maurizio Coppola, l'uomo che ha segnato il gol più importante degli ultimi cinquant'anni (il 2-1 di Padova-Cesena, spareggio di Cremona) e che da allenatore ha appena compiuto il miracolo di salvare gli aretini in serie D dopo averli presi in mano ultimi in classifica.
De Paula uno-due.«Domani De Paula fa doppietta e la chiudiamo subito», pronostica Beppe Galderisi, ricordando come De Paula l'abbia avuto alle sue dipendenze a Foggia l'anno dei playoff. «Giocavamo con lui davanti e tre dietro. De Paula ha gioco aereo, capacità di calcio. Su di lui, come persona e come qualità, garantisco io. Se trova l'ambiente giusto è uno che può fare la differenza anche in A». «Il Padova vincerà 1-0 al novantesimo», gli fa eco Adriano Bonaiuti. E spiega: «Se segni prima, ti tocca soffrire. Invece, segnando all'ultimo, è proprio l'apoteosi...».
Due a zero.Già, come finirà Padova-Livorno? Due a zero. Gol di Ardemagni e del faraoncino El Shaarawy. Lo fiutano sia Coppola, sia Damiano Longhi. Stesso risultato, stessi marcatori. L'ex capitano della serie A, che ha già prenotato un posto all'Euganeo («Vorrei andare in curva, non ci sono mai stato...»), però avverte: «A me fa più paura il Torino del Livorno. Se vinciamo domani, però, andiamo ai playoff al 60%». E poi? «Mah, visto che ci sono le due neopromosse Varese e Novara, e che la Reggina è forte ma non è uno squadrone, io dico che il Padova ce la può fare. Il vero ostacolo, lo ripeto, è il Torino. Lo è per blasone e anche per possibili condizionamenti». «E' proprio bravo 'sto ragazzo, ma dove l'hanno trovato?», dice Coppoladi El Shaarawy. «Ho visto anche il filmato su youtube dove palleggia nello spogliatoio. E' un grandissimo. Alla serie A non ci credo, è difficile, ma speriamo bene - aggiunge, promettendo di esserci a Torino - Certo, con il nuovo allenatore il Padova ha ripreso fiducia. Sono belli proprio, è un piacere vederli giocare».
Due a uno.Vittoria padovana anche per Franco Gabrieli, in campo domenica nei playoff di Promozione con il suo SaonaraVillatora. «Io dico 2-1 per il Padova - prevede - Con Dal Canto ha cambiato ritmo. Ha l'entusiasmo per andare fino in fondo». Buono il pronostico: chi segna? «Anche Cano, purché si vinca... No, scherzo, farà gol uno dei tre davanti. El Shaarawy è quello che s'è messo più in mostra, ma anche Ardemagni e De Paula sono determinanti». Stesso punteggio per Claudio Ottoni, reduce da una buona stagione in Seconda Divisione a Montichiari: 2-1 con gol di Vantaggiato («Se gioca...») e di De Paula. «E' una partita determinante - dice Ottoni - Se il Padova non vince la situazione si complica, perché poi dovrà farlo a Torino. Analogie con la nostra promozione del 1994? No, non ne vedo. Noi siamo sempre stati nelle prime posizioni. Qui invece, se Dal Canto non avesse subito vinto a Pescara, il Padova rischiava i playout».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Furio Stella