Ossari e Ruzzante, un plebiscito

Bersani chiama, Padova non risponde. Diserzione veneta per la manifestazione nazionale contro la manovra organizzata ieri dal Pd al Palalottomatica di Roma. Il pullman dal Veneto, partito venerdi notte, contava un militante di Mogliano Veneto, una signora di Dolo e sei rodigini. Nessun padovano è salito sul bus organizzata dalla segreteria regionale.
Nella città del Santo però c'era l'impegno congressuale, con la prima assemblea di circolo in centro storico. E i big, in mattinata, si sono ritrovati tutti a sostenere la candidatura di Federico Ossari a segretario provinciale. Il primo sponsor è Gianni Saonara, simbolo del primo esperimento di Ulivo nel 1995. Ma c'erano anche il segretario uscente Fabio Rocco, il sindaco di Sant'Angelo di Piove Boischio, il capogruppo Gianni Berno, i consiglieri regionali Ruzzante e Bortoli, gli assessori Rossi, Piron e Colasio. E ancora Gianluca Gaudenzio, Germana Urbani, Luciano Sguotti, Lucia Pizzo e Michele Greco. Nel programma di Ossari tre punti fermi: «La centralità dei circolo. Con la necessità di aprire sedi, spazi aggregativi e feste per militanti e simpatizzanti». E ancora la formazione: «Vorrei aprire scuole di formazione sia per quadri che per amministratori». E infine l'unità del partito, garantita dalla presenza di quasi tutte le aree politiche del Pd intorno alla sua candidatura. Unica eccezione: i «laici» della corrente Marino, che schierano Francesco Corso.
Da parte sua Ossari promette una «squadra nuova» e un «rinnovamento che parte dal metodo». E a chi gli contesta di essere più vecchio del suo predecessore risponde: «Ho 46 anni e credo di poter dare una bella spinta a questo partito». L'obiettivo? «Rendere il Pd competitivo in tutta la provincia, cosi da poter competere davvero alle prossime Provinciali». E a breve termine c'è l'appuntamento elettorale del 2011 con 12 Comuni che rinnovano le Amministrazioni. Intanto il primo congresso lo vede trionfare: ha il 71% delle preferenze contro il 29% di Corso. Ancor meglio va a Piero Ruzzante che corre per la segreteria cittadina: raccoglie il 77% dei consensi, contro il 23% del rivale, Filippo Pacchiega. Alla guida del circolo Pd del centro storico eletto Giacomo Patanè. (c.mal.)