Il Petrarca ha scelto Toffano nuovo presidente

«L'avvocato Lorigiola mi lascia un Petrarca che ha mantenuto negli ultimi anni il vertice del rugby italiano, nonostante le difficoltà. Io conto di proseguire sulla stessa linea, anche se dobbiamo fare i conti con una crisi che interessa anche noi». Parole di Enrico Toffano, nuovo presidente del Petrarca Rugby. Riceve il testimone da Fulvio Lorigiola che lascia dopo sei anni.
Toffano, 44 anni, sposato con Cristina, due figli (Aldo e Olga), lavora con la famiglia nei settori turistico, dell'arredobagno e immobiliare. Giocava a rugby nel Petrarca che aveva 9 anni, è entrato nella dirigenza nel '97 diventando poi presidente della Spa che gestisce gli impianti della Guizza, e poi vicepresidente del Petrarca e direttore dell'Associazione «Amici di Memo», che stabilisce le linee guida della società.
«L'obiettivo è mantenere la squadra al massimo livello possibile, compatibilmente con le risorse e con le incertezze sul futuro del campionato. Guai a parlare di smobilitazione», dice Toffano che ha dato anche indicazioni sull'organigramma della prossima stagione. Abolita la figura del dg, Pasquale Presutti sarà allenatore e dt mentre il ds rimane Corrado Covi, che entra anche nel consiglio direttivo, di cui fanno parte, oltre a Lorigiola, i due vice presidenti Luca Bonaiti e Alessandro Banzato, Stefano Chinchio, Massimiliano Tabacchi e Leopoldo Destro.
La rosa rimarrà il più possibile invariata, a parte Rizzo, Stoltz e Domolailai, in partenza. Saranno inseriti cinque giovani: Cauda, Favaretto, Billot, Trombetta e Mazzini. Alessandro Battistin entra nello staff tecnico, con il riconfermato Polla Roux. «Lascio una società forte, organizzata, e solida - spiega Lorigiola - Toffano è una persona riservata, ma con una passione incredibile. Gli auguro successi e soddisfazioni».
(Federico Fusetti) LUPI, CHE FESTA!E' durata fino a notte fonda al «San Marteen» di San Martino di Lupari la festa per il terzo scudetto consecutivo conquistato lunedi sera a Bassano dalla Luparense. Nella «seconda casa» dei campioni d'Italia, tra birre, panini e autografi giocatori e staff si sono goduti l'ennesima notte da lupi mentre i tifosi intonavano il coro «Zarattini portaci in Europa». Nemmeno l'addio del tecnico Velasco ha tolto il sorriso al clan Alter Ego, pronto a tuffarsi nella prossima stagione alla ricerca dell'Uefa Futsal Cup. «L'allenatore ha deciso di tornare in Spagna, tutto è stato deciso già due mesi fa - rivela il presidente - Siamo stati bravi a tenere la notizia per noi, la squadra avrebbe potuto risentirne. Il sostituto? E' presto per far nomi ma sicuramente sarà straniero». (a.maz.)