A Limena una libreria on-line da record

Scorrendo i numeri da record della Webster srl di Limena, la libreria on line leader in Italia nel settore accademico e professionale, viene da chiedersi: che colosso diventerebbe se gli italiani avessero maggiore fiducia e dimestichezza con l'e-commerce? E' padovana la seconda libreria on line in Italia, ovviamente dopo l'arcinoto gigante Amazon, che conta un catalogo di oltre 4 milioni di testi fra titoli universitari, di letteratura, psicologia, saggistica, diritto e marketing. A battezzare la creatura di commercio on line di prodotti editoriali (ma anche dvd e videogame) sono stati nel 2000 sei giovani compagni di università, tra i quali il presidente della Webster, Luca Ometto.
Da quest'ultimo emerge la conferma di quanto mercato sia riuscita a sviluppare la società di Limena in appena otto anni: «All'inizio è stata dura», dice Ometto, che ha 33 anni «soprattutto perché in Italia manca radicalmente una cultura dell'acquisto elettronico attraverso le carte di credito. Poi siamo decollati, concentrandoci sulle reali esigenze dei clienti. E oggi cominciamo a tirare le somme: dal 2004 a oggi abbiamo quadruplicato l'offerta di prodotti e quest'anno chiuderemo con un fatturato di 10 milioni di euro». Un bel salto di introiti (+60%) rispetto ai 5,7 milioni del 2007. E' del resto un mercato vivace quello del commercio di libri sul web, soprattutto in questa fase dove tutti viaggiano col freno a mano tirato sul fronte degli acquisti. Se comprare un libro on line permette di risparmiare in media il 30% sul prezzo di copertina (alla Webster applicano però punte di sconto anche del 50%), il paradosso è che in Italia ogni 100 libri comprati solo in tre casi ci si rivolge al commercio elettronico. Pochissimo, rispetto alla media internazionale che si aggira sul 15%. Oggi Webster, con 600 mila titoli italiani a catalogo, può contare su due librerie on line: una dedicata al settore varia/narrativa (www.webster.it) e una al ramo universitario e professionale (www.libreriauniversitaria.it). Non basta: l'azienda guidata da Ometto è anche casa editrice di testi universitari e professionali col marchio Edizioni libreriauniversitaria.it. I punti di forza? Ce li elenca il presidente: «Anzitutto abbiamo una rete di fornitori vasta e organizzata, contiamo su una struttura giovane e dinamica orientata agli obiettivi e abbiamo sviluppato un software interno che gestisce tutti i processi aziendali». La crisi non li spaventa, tanto che nell'ultimo autunno la crescita è stata del 30%.
Eppure l'occhio imprenditoriale non mira solo al business, se si pensa che nell'ambito del progetto «Webster for children», avviato nel 2007, sono stati raccolti 10 mila euro tra gli utenti del sito a favore del Centro leucemie infantili dell'ospedale di Padova.
(Massimo Nardin)