Ecco i Padovani Eccellenti 2003


di Simonetta Zanetti
Ci sono un giornalista, un religioso e un gioielliere tra i padovani eccellenti designati dall'omonimo ordine per il 2003 dopo una selezione fatta tra oltre trecento segnalazioni.
Intanto prim'ancora che si sia conclusa la rassegna l'Ordine rivela l'intenzione di istituire un nuovo premio per le arti e lo spettacolo intitolato a Ruzante; la nuova iniziativa sembra candidata a diventare un piccolo oscar locale, caratterizzata da una statuetta del commediografo e attore padovano realizzata dal maestro Sgaravatti che verrà consegnata nel corso di una festa in costume in programma già quest'anno in occasione dell'inaugurazione della Gran Guardia.
Nel frattempo la cerimonia per i Padovani Eccellenti, organizzata per sabato prossimo alle 17 nell'aula Magna del Bo, vedrà tra i protagonisti il filologo Vittorio Zaccaria, monsignor Bevilacqua responsabile dell'Opera della Provvidenza Sant'Antonio di Rubano, Graziella Allegri Filippini docente di Chimica farmaceutica e Tossicologia, il gioielliere Alberto d'Angeli e ancora ancorail presidente del Centro di Ascolto di Padova Pietro Fiscon e Giorgio Ronconi docente di Lingua e Letteratura Italiana. Tra loro anche il giornalista Giorgio Lago, di origine trevigiana premiato in quanto padovano di adozione, per scelta culturale ed affettiva.
Tre inoltre le donne che verranno insignite del sigillo di Padova: suor Celsa dell'ordine elisabettino per la realizzazione e la conduzione della scuola per operatori sociali, Ada Baldisserotto responsabile del centro «Opera Magnificat» per il sostegno delle ragazze madri e più in genere delle donne in difficoltà e Dina Checchetto Morello maestro e direttore del coro «La Rondinella». «Padova può contare su un grande patrimonio umano, sociale e culturale anche tra quelle persone che fanno quotidianamente il loro lavoro con coraggio e dedizione senza avere un riconoscimento - sostiene il sindaco Giustina Destro che in segno di stima per l'operato dell'Ordine annuncia di avere trovato per i suoi rappresentanti una sede idonea ancora top secret - Questa manifestazione rappresenta un riferimento importante per i giovani, oltre che un filo conduttore per l'identità della città». Ogni anno quindi l'Ordine dei Padovani Eccellenti si ritrova a dover affrontare una selezione di centinaia di nomi; una volta pervenute tutte le segnalazioni, il comitato ristretto è chiamato a raccogliere tutte le informazioni disponibili su ciascuno prima di arrivare ad una votazione congiunta: «Provo una particolare stima per monsignor Bevilacqua direttore della struttura nota come Cottolengo -sottolinea il governatore dell'Ordine Elio Ragno-. Sacerdote illuminato, medico provvidenziale e organizzatore attento e coraggioso egli ha una grandissima capacità, più grande anche in confronto a quanti lo hanno preceduto, di trattare con rispetto gli ospiti della struttura, garantendo sempre un posto ai casi più gravi ed urgenti».