Caduto in un tubo sottoterra Cane Golia salvato dopo 6 ore

QUINCINETTO Ci sono volute quasi sei ore di lavoro scavando in un tratto di fognatura in via Molino a Quincinetto, con una piccola draga da cantiere e con i picconi, ma alla fine lo sguardo dolcissimo e felice di Golia, un cane pastore di 14 anni, ha ripagato tutti gli sforzi della squadra D dei vigili del fuoco di Ivrea che venerdì lo hanno salvato da una morte atroce. Golia, fuggito dal giardino della casa in cui vive, approfittando dell'assenza dei suoi padroni che erano partiti per una breve vacanza, si era allontanato per una passeggiata fuori programma. Non si sa come, era scivolato in un tombino per lo scarico dell'acqua piovana finendo in un tubo di scolo della larghezza di circa 35 centimetri che scorre in un prato vicino ad un gruppo di case. E lì era rimasto incastrato senza più possibilità di muoversi. Sarebbe morto di stenti se non fosse scattata l'operazione dei vigili del fuoco, allertati da Luciano Sardino, responsabile del canile di Caluso, che è stato il primo ad intervenire. Ora Golia sta bene: appena estratto dal tubo è stato subito rifocillato e consegnato a un parente dei proprietari. E non c'è stato neanche bisogno di portalo dal veterinario perché le condizioni di Golia erano buone, a parte lo choc patito. La fortuna, per Golia, si deve al fatto che i suoi guaiti sono stati sentiti da una persona che verso le 18,30 ha avvisato il canile. Sardino non ha perso tempo ed è corso a Quincinetto per capire cosa era successo. «Ho subito capito che la situazione era grave e che da solo non avrei potuto fare niente, anche se sono piuttosto esperto di salvataggi - racconta - Così ho avvisato i vigili del fuoco che sono dotati di tutte le attrezzature necessarie». La squadra D è arrivata in pochi minuti: dopo aver valutato la situazione i pompieri hanno richiesto l'ausilio di un escavatore da cantiere portato sul posto da un impresario del paese. Quindi hanno cominciato a scavare, prima con l'escavatore e poi, a mano, con la mazza e un palanchino per liberare il tubo dal cemento. Poi, con l'uso di un flessibile, hanno praticato un buco per capire a quale altezza la povera bestiola fosse rimasta incastrata. Fatto questo e dopo aver scavato ancora per qualche minuto i vigili del fuoco lo hanno raggiunto e tratto in salvo tra gli applausi delle decine di persone che hanno assistito alle operazioni di salvataggio. Mancava poco a mezzanotte quando Golia scodinzolando felice è tornato alla sua vita. In supporto ai vigili del fuoco era presente anche la protezione civile di Borgofranco. (l.m.) GUARDA LA FOTOGALLERY E VIDEO www.lasentinella.it