In campo di sabato L'Asd Ivrea cerca di riempire il Pistoni

il Comitato regionale della Figc, considerate le poche richieste di ripescaggio, ipotizzando una carenza di organico nei campionati di Prima e Seconda Categoria ha riaperto i termini per le richieste di ripescaggio. Domande che dovranno pervenire al Comitato Regionale entro le ore 13 di mercoledì 25 luglio. Da tutto ciò si deduce che il Bollengo Albiano, secondo nella graduatoria dei ripescaggi a seguito della domanda effettuata nella prima sessione, è praticamente certo di essere ripescato e disputerà il campionato di Prima categoria. IVREA Finalmente è arrivata la risposta da Roma. E' nata l'Asd Calcio Ivrea. Un evento atteso dall'inizio di luglio, da quando, furono inviate nella capitale le relative documentazioni: «Sapevamo di queste tempistiche – ha detto il presidente Gian Luca Actis Perino – e adesso è ufficialmente tutto a posto». Intanto si progetta la nuova stagione con una importante novità: l'Ivrea vuole giocare le partite casalinghe di sabato, in modo da aumentare il numero di spettatori e diventare punto di riferimento calcistico per la città e il Canavese. L'Asd Ivrea comincia la coesistenza con l'Usd Ivrea del presidente Gianni Marchetti. La fusione tra i due club potrà essere effettuata solo tra un anno: «È vero – ammette Actis – ma di fatto abitiamo già nella stessa casa da parecchio tempo e portiamo avanti obiettivi e scopi comuni in perfetta sintonia». La prima scelta sarà quali squadre, oltre a quella di mister Alberto Rizzo e alla Juniores di mister Franco Lago, faranno parte della neonata Asd: «Il nostro obiettivo è quello di portare anche le due squadre degli allievi delle classi '96 e '97 – commenta il presidente – ma questi quadri saranno ben definiti la prossima settimana quando ci sarà l'incontro tra le due dirigenze» . Ritorna l'Ivrea calcio, dunque, con prospettive di crescita. La novità più importante è quella di giocare le partite casalinghe il sabato pomeriggio e assieme alla documentazione di iscrizione inviata in Federazione è stata formulata ufficialmente questa richiesta: « Abbiamo intenzione di far diventare il Pistoni il punto di riferimento calcistico più importante del Canavese al Pistoni – dice Actis – L'appuntamento sarà il sabato pomeriggio. Da parte della federazione non ci sono problemi, aspettiamo l'ok da parte delle squadre del girone». Si spera di vedere aumentare il numero di spettatori: «Senza dubbio puntiamo ad avere sugli spalti più gente possibile – dice il presidente – giocare di sabato significa che i tifosi possono avere cosi la domenica libera, inoltre possono venire gli addetti ai lavori di tutte le squadre calcistiche del territorio dalla Terza categoria alla Promozione che sono impegnate la domenica. Senza dimenticare che il sabato pomeriggio non si giocano partite di serie A». Insomma un'occasione di svago e un'opportunità in più per chi viene ad Ivrea: «Il sabato ci sono i negozi, i supermercati e i locali pubblici aperti quindi si possono eventualmente prendere due piccioni con una fava». Magari, mentre le mogli fanno shopping, i mariti vedono la partita... Ricordiamo che la squadra si ritroverà al campo Pistoni alle 18 di lunedì 6 agosto. La preparazione estiva sarà svolta sul campo di Palazzo. L'esordio in coppa Italia è previsto per il 26 agosto, mentre il campionato di Eccellenza inizierà il 2 settembre. È ufficialmente aperta anche la campagna abbonamenti. I prezzi sono 120 euro per la tribuna e 80 per la curva. I punti vendita sono, oltre alla segreteria direttamente allo stadio Pistoni dalla segretaria Lia Cignetti, anche al distributore IP di Luciano Chiuni, al ristorante Aquila Nera di Antonio Cuomo, e al negozio Ies di Marco Bergantin. Mario Capone ©RIPRODUZIONE RISERVATA