La Torre di Pisa pende sempre meno

video Poco a poco la Torre di Pisa sta riducendo la sua inclinazione. Secondo un nuovo studio effettuato dal Gruppo di Sorveglianza della Torre, un team di ricercatori creato nel 2001, il campanile ha recuperato 4 cm in 17 anni. Ma non solo: per i membri del gruppo, lo stato di salute della Torre è migliore di quanto aveva predetto nel 2001 il comitato internazionale coordinato da Michele Jamiolkowski, che si occupò dei lavori di consolidamento e di restauro del campanile tra il 1993 e il 2001. Le operazioni condotte in quel periodo ridussero di 44 cm la pendenza della Torre. Certo, non è ancora il momento di dire "è dritto come la Torre di Pisa". Ma in futuro, forse, chissà (a cura di Valentina Ruggiu)

Parabiago, incidente treno. Il sindaco: "Qualcuno forse sapeva di queste 'prove', ma non ha detto nulla"

video A Parabiago, provincia di Milano, un ragazzo di 15 anni è morto investito da un treno. Secondo le prime testimonianze si sarebbe steso per un tragico gioco di resistenza con i suoi amici, una sorta di roulette russa. Il sindaco del paese, Raffaele Cucchi: "Sono andato subito sul posto. Si è percepito che ci fosse qualcosa sotto, scommesse o prove". intervista di Jean Paul Bellotto - Radio Capital

Milano, arrestato lupo solitario dell'Isis: il blitz della polizia

video Un lupo solitario dell'Isis è stato arrestato in un blitz antiterrorismo della Polizia a Milano. In manette è finito un egiziano di 22anni bloccato in piena notte dagli uomini del Nocs. Il provvedimento di custodia cautelare è stato emesso dal Gip de L'Aquila, città da dove è partita l'indagine. "Sono pronto a combattere e a fare la guerra", dice il giovane in un'intercettazione, che si vantava di aver ricevuto un'addestramento militare molto approfondito. (video Polizia di Stato)

Corruzione, Vespa a Davigo: "Hai le manette sul comodino". Il magistrato: "Fingi di non capire"

video "Il problema è che mentre mia nonna aveva Giovanni XIII sul comodino, qualcuno ha la foto del figlio, qualcuno non ha niente, Davigo ha le manette. Lui si sveglia dicendo 'Oggi a chi tocca?'". Vespa, ospite di Floris a DiMartedì su La 7, punzecchia ironicamente Piercamillo Davigo, durante un dibattito in studio su criminalità e corruzione. "Lei finge di non capire" è stata la risposta del magistrato, presidente della seconda sezione penale presso la Corte suprema di cassazione, che ha illustrato dati sul crimie organizatto e sul problema - a suo avviso ben più rilevante - della "devianza delle classi dirigenti". Il confronto tra i due si è riacceso qualche minuto dopo, quando Vespa parlando della corruzione politica e delle indagini del pool Mani Pulite - di cui Davigo ha fatto parte - ha detto: "Quanti magistrati sono andati sotto processo per aver passato le informazioni ai giornali? Nessuno"  video La 7

Olio in offerta, ressa in supermercato a Palermo: urla e spintoni per le bottiglie

video Due bottiglie di olio di semi di mais scontate del 50%, con la formula "1 più 1 gratis": tanto è bastato alla Lidl di Palermo per scatenare una ressa con urla, offese e spintoni per accaparrarsi più bottiglie possibili. Dall'ufficio stampa Lidl non abbiamo ricevuto risposta su questo video diventato virale sui social ma sul volantino pubblicitario della catena, valido dal 19 al 25 novembre, è effettivamente presente una promozione sull'olio: il prezzo è 0,70 euro al litro se si acquistano appunto due bottiglie.Video: Facebook

Anticorruzione, Lezzi (M5S): "Governo battuto cosa gravissima, ma testo non cambia. Salvini staccherà spina dopo Europee? Affari suoi"

video La maggioranza è stata battuta sull'anticorruzione. La Camera ha approvato un emendamento che ammorbidisce le norme sul peculato, presentato da Catello Vitiello (ex M5S, oggi al Misto) e a cui il governo era contrario. Per Barbara Lezzi, ministra per il Sud, è una "cosa gravissima": "Alcune agenzie riportavano parlamentari della Lega che avevano ammesso di voler dare una lezione al M5S, ma quel testo non passerà assolutamente così", dice Lezzi a Circo Massimo, su Radio Capital, "Se crediamo che Salvini ci mollerà dopo le Europee? Non sto a pensare se vuole staccare la spina o no, saranno affari suoi". 19 dissidenti del Movimento sono contrari al decreto sicurezza: "Giusta la dialettica interna, ma non ci sono margini per cambiamenti", avverte Lezzi, "da loro mi aspetto il rispetto del contratto".Intervista di Massimo Giannini e Jean Paul Bellotto

Manovra, Lezzi (M5S): "UE non ci crede per la cattiva reputazione dei governi precedenti"

video È atteso per oggi il verdetto della Commissione europea sulla manovra italiana. "Lo aspettiamo, poi ci riuniremo per formulare una nuova risposta", dice la ministra per il sud Barbara Lezzi a Circo Massimo, su Radio Capital. "È vero che abbiamo sottoscritto i patti", spiega la ministra, "ma vorremmo fare delle politiche anticicliche per contrastare il rallentamento dell'economia". Se l'Europa non è convinta, secondo Lezzi, è anche perché "ha una giustificata diffidenza: negli ultimi anni si è promesso di sbloccare l'Italia e di sburocratizzare, cose che non si sono mai fatte. Scontiamo la cattiva reputazione dei governi precedenti. Non vogliamo andare a spiegare la manovra in Europa, è chiaro che la comprendono bene", conclude Lezzi, "è che non ci credono".Intervista di Massimo Giannini e Jean Paul Bellotto

Mafia nigeriana a Cagliari, l'intercettazione: "Dagli 10 frustate, se non sento il rumore ti uccido"

video Proviene da Cagliari questa intercettazione ambientale della polizia, riguardante un clan della tratta delle donne finalizzata allo sfruttamento della prostituzione. Il gruppo è affiliato alla confraternita 'Supreme Eiye', i cui simboli ricorrenti sono un teschio con ossa incrociate e un'aquila. I suoi membri vestono di blu e portano tatuato su un braccio un uccello ("eiye" in nigeriano). Video: Polizia di Stato

Kenya, volontaria rapita. Presidente Onlus: "Incomprensibile, non era zona a rischio"

video "Non mi capacito ancora, Silvia era in un luogo rurale (la comunità di Chakama, a circa 80 chilometri ad ovest da Malindi) dove non succedono queste cose". Così Lilian Sora, fondatrice e presidente di Africa Milele Onlus, l'associazione con sede a Fano, nelle Marche, alla quale appartiene la volontaria di 23 anni rapita in Kenia. "Non sappiamo se siano banditi o terroristi, Silvia era lì dagli inizi di novembre - aggiunge Sora - Siamo in contatto con la Farnesina". Intervista di Silvia Scotti, Radio Capital