Denunciato l'uomo che voleva sfondare il portone della sua ex

Paolo FizzarottiRIvanazzano. Scene di ordinaria follia l'altro pomeriggio in corso Repubblica, nel centro di Rivanazzano. Un uomo si introduce a forza in casa della sua ex compagna: la donna non gli vuole aprire, ma lui entra lo stesso usando la sua auto come un ariete contro il portone in strada.Una volta dentro l'appartamento, l'uomo dopo un alterco picchia la sua ex e anche la madre di lei. Non contento, forse in preda a un raptus, mette a soqquadro l'abitazione e spacca tutto quello che trova sul suo cammino mentre se ne va: vetri, vasi di fiori, e altro ancora. Poi l'uomo si barrica dentro la sua macchina, un Suv. L'auto è parcheggiata così male da impedire il passaggio delle altre macchine: ma il conducente è chiuso dentro e non c'è verso di farlo uscire. Alla fine qualcuno avvisa i carabinieri. Poco prima che la pattuglia giunga sul posto, però, l'uomo mette in moto e se ne va. Ora i carabinieri stanno dando la caccia all'uomo, che è stato denunciato dalle due donne per l'aggressione con lesioni, il danneggiamento del portone e la violazione di domicilio. Quando saranno stati chiariti tutti i contorni della vicenda, non escluso che a suo carico vengano presi d'ufficio altri provvedimenti: come una denuncia per maltrattamenti e stalking. I carabinieri infatti stanno indagando per stabilire se l'uomo già in passato si è reso responsabile di azioni del genere. L'accaduto ha comunque messo in agitazione il centro di Rivanazzano.Corso Repubblica è una stretta via, dopo le Terme, in direzione di Salice. Secondo la prima ricostruzione dei fatti tutto inizia verso le 18, quando l'uomo si reca a casa della sua ex compagna per parlare con lei. Dato che è molto agitato e comunque non lo vuole vedere, la donna non gli apre: ma lui trova il modo di entrare lo stesso dal portone. Quello che accade in casa è stato messo a verbale dai carabinieri, in base alla denuncia delle due donne. I residenti vedono quello che accade all'esterno: e cioè l'uomo che sale sulla sua auto, un Suv o un mezzo del genere, che è parcheggiato quasi in mezzo alla strada, tanto che le altre auto non passano. Lui resta chiuso dentro e non apre la portiera. Qualcuno pensa che il conducente sia in preda a un momento di follia, che sia necessario un Tso: scatta quindi l'allarme al 118. Sul posto arrivano l'automedica, la Croce San Francesco e i carabinieri: ma il conducente del Suv mette in moto e se ne va pochi minuti prima che arrivino tutti. Ora lo stanno cercando ovunque. --